Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Erg, Enel a un passo dal pacchetto acqua-gas

Il gruppo Enel è in trattative finali per acquisire le attività messe in vendita da Erg.

Secondo indiscrezioni la società guidata da Francesco Starace sarebbe infatti in pole position rispetto agli altri concorrenti più attivi in gara: il gruppo elvetico Alpiq, la francese Total, Iren e Ascopiave in cordata, Engie, il gruppo idroelettrico norvegese Statkraft e il consorzio composto da A2a e Ardian.

Da alcuni mesi Erg ha deciso di mettere in vendita alcune attività nell’idroelettrico e nel gas a ciclo combinato, per focalizzarsi e reinvestire sul settore delle rinnovabili. Ne è nato un processo competitivo che sembra alle battute conclusive dopo che due settimane fa sono state fatte le offerte dai concorrenti in gara.

L’operazione con Enel, se andrà in porto, seguirà un trend che di recente si sta evidenziando: come dimostrato dalla maxi-offerta di Eni sugli asset italiani nell’eolico del gruppo finanziario internazionale Glennmont, i grandi gruppi italiani dell’energia stanno cercando di diversificare verso tipologie di asset differenti, in modo da avviare una rotazione del portafoglio. L’obiettivo è anche quello di venire incontro alle necessità di ridurre le emissioni di CO2 fino ad eliminarle completamente nei prossimi anni.

Al lavoro sull’operazione sono gli advisor coinvolti, cioè Mediobanca e Rothschild. Sul piatto ci sono oltre una ventina tra centrali e dighe nel settore idroelettrico e impianti a gas a ciclo combinato.

Per la precisione gli asset in vendita sono, per quanto riguarda il settore idroelettrico, 19 centrali, 7 dighe, 3 serbatoi e una stazione di pompaggio per una potenza totale di 527 megawatt suddivisa tra Umbria, Lazio e Marche. Invece nel settore a ciclo combinato (Ccgt) l’impianto di cogenerazione, con una capacita’ installata di 480 megaWatt che alimenta gli impianti industriali del sito di Priolo Gargallo (in provincia Siracusa). Il valore complessivo dell’operazione, secondo alcune stime circolate nelle scorse settimane, potrebbe essere di oltre 1 miliardo di euro. I proventi della vendita saranno reinvestiti da Erg nel solare e nell’eolico.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa