Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Equitalia, incassi 2015 oltre 8 miliardi

Alla voce riscossione coattiva 2015 Equitalia può indicare un sostanzioso +11,2% rispetto al 2014. Percentuale che tradotta in euro equivale a un aumento di 832,6 milioni. La crescita registrata già nel 2014, quando Equitalia era passata dai 7,10 miliardi recuperati nel 2013 a 7,41 miliardi, si è quasi triplicata nel 2015 attestandosi a 8,24 miliardi. Il risultato, poi, è ancor più significativo se si pensa che fino a giugno 2014 imprese e cittadini hanno potuto rottamare i ruoli più vecchi senza pagare gli interessi, beneficiando della sanatoria prevista dalla Stabilità 2014.
A rendere noto l’ammontare riscosso coattivamente nel 2015 è stato l’ad dell’agente pubblico della riscossione, Ernesto Maria Ruffini, la scorsa settimana nel corso dell’audizione davanti alla Commissione di vigilanza sull’anagrafe tributaria. Un dato secco, riportato in una riga della relazione sulle banche dati ed Equitalia, vero oggetto dell’audizione, ma che a ben vedere rappresenta un cambio di tendenza importante per le casse dello Stato e soprattutto per la stessa Equitalia. «Basta osservare i numeri – sottolinea Ruffini – per capire che Equitalia restituisce alla collettività più di 8 miliardi l’anno, risorse indispensabili per tutti gli italiani».
Non sono così lontani i tempi in cui le misure dell’Esecutivo sostenuto dalla “strana maggioranza” decise di «spuntare le unghie a Equitalia». Tra il 2012 e il 2013 sono arrivate rateizzazioni più ampie, avvisi bonari, divieti di pignoramento di prime case e beni strumentali per citare soltanto alcune di quelle misure. Che in un primo momento hanno ridotto l’azione di recupero di Equitalia, ma nel medio-lungo periodo hanno iniziato a produrre, come testimonia il +11,2% del 2015, effetti positivi anche per le casse dell’Erario in termini di maggior recupero dei crediti vantati.
Oltre 8 miliardi che finiranno a comporre il gettito complessivo del 2015 del recupero di evasione. Dato, quest’ultimo, che il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e la direttrice dell’agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, presenteranno ufficialmente domani a Roma. Il successo in termini di incassi è attribuibile a più fattori. Da una parte c’è stata sicuramente una maggiore propensione a mettersi in regola, e questo anche grazie alla possibilità di rateizzare il proprio debito sia in tempi più veloci, senza troppi paletti e giustificazioni almeno fino a 50mila euro. Oggi oltre il 50% dei crediti vantati dai vari enti viene incassato a rate da Equitalia. C’è poi una maggiore produttività dell’agente pubblico. «Sono in Equitalia da pochi mesi – sottolinea Ruffini -. Abbiamo aperto una stagione di riforme e di modernizzazione per mettere Equitalia sullo stesso fuso orario del Paese. Sarà un lavoro di squadra. Una squadra composta da quasi 8mila persone al servizio dei cittadini».
C’è, poi, una maggiore propensione al dialogo con cittadini e imprese. «Equitalia non potrà mai risultare simpatica -aggiunge l’ad di Equitalia -. Ma deve imparare a essere e apparire sempre al fianco delle persone e non contro di loro». Nel 2015 gli sportelli di Equitalia hanno ascoltato 5 milioni di contribuenti e il call center ha evaso oltre 17mila telefonate. E per capire cosa chiedono i debitori lo stesso Ruffini confessa di aver trascorso più di un giorno in prima persona dietro lo sportello «ad ascoltare e servire i contribuenti in diversi momenti». E questo perché Ruffini crede fortemente che «l’ascolto sia l’unico modo per iniziare a far cambiare passo a Equitalia, che – anche se ha un ruolo scomodo – è e deve essere al servizio di tutti gli italiani».
I dati del 2015 (si vedano le tabelle) dimostrano come almeno il 50% dei recuperi effettuati da Equitalia e pari a oltre 4,2 miliardi di euro è intestato all’agenzia delle Entrate. A questi si devono sommare altri 403, 4 milioni di entrate erariali. I recuperi contributivi ammontano a circa 2,5 miliardi (Inps 2,3 miliardi e Inail 111,4 milioni). Mentre spiccano i 550 milioni recuperati nel 2015 per conto dei Comuni, nonostante l’uscita dell’agente pubblico dalla riscossione dei tributi locali viva di proroga in proroga.
Sul fronte territoriale la Lombardia ancora una volta è in testa alla classifica delle somme riscosse con 1,8 miliardi, crescendo rispetto al 2014 del 16,7 per cento. Abruzzo (+11,1%), Calabria (+10,9%) e Basilicata (+10,8%), da sempre inserite tra le aree svantaggiate del Paese, mostrano comunque una crescita della riscossione in linea con il dato nazionale. Il Molise, grazie anche ai versamenti di un “grande debitore”, ha toccato un sorprendente +20,9 per cento. Il crollo del Trentino-Alto Adige (-25,6%) è invece legato soprattutto al venir meno della sanatoria delle cartelle, che ha caratterizzato tutti gli incassi del 2014.
L’obiettivo è quello di procedere su questa strada. Come spiega ancora Ruffini, «andremo avanti sulla rotta tracciata nel 2015 e quindi più trasparenza, misure innovative per stringere un nuovo patto con chi ha debiti – come è avvenuto con il fermo auto (si veda «Il Sole 24Ore» dell’8 febbraio scorso) -, investimenti in nuove tecnologie per semplificare la vita ai contribuenti, meno costi, taglio delle tre società di riscossione, taglio della burocrazia, maggiore determinazione nella lotta all’evasione. È una vera sfida».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa