Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Eni, sconto sulla benzina per l’intera estate

ROMA — Week-end con lo sconto per fare ripartire i consumi e spingere le famiglie a santificare le ferie, mettersi in viaggio e non lasciarsi intristire dai prezzi del carburante. E l’idea di una campagna estiva che l’Eni starebbe per lanciare nei suoi «self service pre-pay». Chi farà rifornimento nei punti vendita del cane a sei zampe, per tutta l’estate, potrà infatti contare su un sconto al litro che dovrebbe raggiungere, sia per la verde che per il gasolio, i 20 centesimi al litro. L’offerta dovrebbe essere valida dal prossimo fine settimana fino al primo week-end di settembre (dall’1 al 2), entrare in vigore dalle 13 del sabato e restare valida fino alla mezzanotte della domenica. Così infatti sarebbe precisato in una circolare che in queste ore sta arrivando nelle mani dei gestori convenzionati.
Fatti i conti, dunque, il risparmio ci sarà e farà sì che la gita del sabato, il pomeriggio mordi e fuggi passato al mare, la corsa in macchina della domenica, prevedano una sosta al distributore self service.
Considerata una macchina di media cilindrata e i 50 litri di benzina che il suo serbatoio può contenere, sul pieno si potranno infatti risparmiare fino ad una decina di euro.
La campagna, non ha caso chiamata «riparti con l’Eni» — assieme ai ribassi nelle quotazioni che si stanno verificando in questi giorni — andrebbe così a depotenziare gli effetti dell’accisa varata dal governo per coprire l’emergenza del terremoto in Emilia (2,42 centesimi al litro per benzina e gasolio).
Il costo, o mancato introito che la compagnia metterà in bilancio dovrebbe aggirarsi sui 180 milioni di euro, ma è chiaro che una corsa al pieno da parte degli automobilisti potrà ridurre tale impatto (la promozione varrà fino ad esaurimento scorte). Quanto al consumatore, è chiaro che la campagna del cane a sei zampe potrebbe scatenare un effetto «trascinamento » costringendo anche le altre compagnie a ridurre i prezzi del pieno effettuato fra sabato e domenica.
Di solito il «traino» funziona:
il ribasso praticato lo scorso fine settimana proprio dall’Eni (un centesimo per verde e gasolio) aveva già spinto i concorrenti a muoversi nella stessa tendenza. Proprio ieri gli ultimi ritocchi al ribasso da parte di Ip, Q8, Shell e Tamoil (per Total Erg è diminuito di un centesimo al litro solo sul diesel) che hanno portato la benzina (modalità servito) ad un prezzo medio di 1,825 euro al litro. E, a sentire gli analisti, le compagnie
hanno ancora ampi spazi per tagliare ulteriormente i listini.
Di sicuro c’è che lo sconto — arrivato alle soglie dell’estate e destinato a vivere fino alla fine della stagione — produrrà un effetto positivo sugli umori di consumatori costretti a fare i conti con un reddito reale sempre più basso e un programma di vacanze sempre più contratto. E probabilmente anche il governo vedrà di buon occhio l’iniziativa della compagnia — in parte pubblica (è dello Stato il 30 per cento circa delle azioni) — che consentirà un risparmio su una delle voci di spesa che più pesano sui bilanci delle famiglie. L’iniziativa, comunque, non è novità nella storia dell’Enel: un grosso sconto «festivo» era stato varato dall’allora presidente Enrico Mattei già nella Pasqua del 1960.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa