Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Enel, balzo del 20% degli utili Starace: spinta sulle rinnovabili

L’anno della pandemia si chiude per il gruppo Enel con risultati economici positivi: l’utile netto in crescita del 20,1% a quota 2,61 miliardi e un dividendo per gli azionisti — il principale è il ministero dell’Economia con il 23,6% — di 35,8 centesimi per azione, in rialzo cioè del 9,1% (in parte già distribuito lo scorso gennaio, quello per il 2019 è stato di 32,8 centesimi).

Un andamento che, malgrado le difficoltà legate ai lockdown e al lavoro a distanza, pare soddisfare il chief executive officer Francesco Starace: «I risultati per il 2020 – ha commentato – evidenziano il forte impegno da parte del gruppo per una crescita sostenibile, come dimostrano gli oltre 10 miliardi di euro investiti durante l’anno».

La rotta da seguire resta quella già tracciata nell’ultimo piano strategico: «I nostri investimenti sono indirizzati verso un modello di business sostenibile e integrato – ha spiegato – che si fonda sulle rinnovabili, sulla distribuzione e sui servizi energetici avanzati, facendo leva sul ruolo primario di digitalizzazione e piattaforme. Questo approccio -ha detto ancora il ceo del gruppo Enel – è finalizzato ad accelerare la crescita sia attraverso il modello di ownership, che si basa su investimenti diretti, sia attraverso il modello di stewardship, che prevede il coinvolgimento di terzi. In questo modo, oltre a promuovere la crescita nelle aree in cui siamo presenti, abbiamo ulteriormente accelerato la decarbonizzazione del mix di produzione di gruppo». Sono confermati gli altri risultati economici già annunciati, con ricavi a 64,98 miliardi e margine operativo lordo a 16,8 miliardi. Gli investimenti nel 2020, come sottolineato da Starace, ammontano a 10,2 miliardi, in aumento di 250 milioni rispetto al 2019 (+2,5%). Sono diminuiti quelli in generazione termoelettrica e trading mentre sono cresciuti gli investimenti di Enel Green Power soprattutto in Cile, Stati Uniti, Italia, Sudafrica, India, Brasile e Russia, insieme alle infrastrutture e reti e a Enel X.

La generazione da capacità rinnovabile si è confermata il principale motore della crescita operativa con 3,1 gigawatt di nuova capacità addizionale realizzata nel corso dell’anno, mentre si è ridotta di 2,8 gigawatt la capacità a carbone. La spinta sulle energie rinnovabili ha consentito all’Enel di ridurre le emissioni dirette di CO2, che a dicembre ammontavano a 214 grammi di CO2 equivalente per kilowattora.

Nella call con gli analisti, Starace ha poi rassicurato gli azionisti sul dividendo 2021 («nessun rischio sul pagamento») ed è tornato sulla questione Open Fiber: la cessione del 40 o 50% è in discussione tra Cdp e Macquarie e avverrà nelle prossime settimane o mesi, comunque entro fine anno. E per l’idrogeno, di cui si parla molto, bisognerà attendere che il costo degli elettrolizzatori scenda almeno di un fattore sei.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo il via libera della Commissione europea al Recovery Plan italiano arriverà un decreto legge su...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il decreto «sostegni-bis» che il governo punta ad approvare entro la fine del mese parte con una p...

Oggi sulla stampa