Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Emissioni ampie per le obbligazioni

Ampia facoltà di emissione di obbligazioni ogniqualvolta si tratti di titoli convertibili in azioni, la fusione e scissione transfrontaliera con beneficiaria extra Ue, vale in Italia solo con atto redatto ai sensi dell’art. 2504 c.c., l’assemblea, purché totalitaria, può riunirsi anche in luogo diverso da quello previsto dalla legge o dallo statuto.

Sono le indicazioni rinvenibili dalle nuove massime, del 28 ottobre scorso, della commissione societaria del Consiglio notarile di Milano.

Libera emissione di obbligazioni convertibili

La massima adotta un’interpretazione estensiva della portata della norma (art. 2412, c. 5, secondo periodo c.c.) tale da comprendere nell’esenzione dal limite quantitativo all’emissione di obbligazioni, tutte le ipotesi di obbligazioni convertibili, sia dirette che indirette, proprie che improprie. In altri termini, l’emissione di obbligazioni che danno diritto di acquisire o sottoscrivere azioni non sono sottoposte al limite del doppio del capitale e delle riserve risultanti dall’ultimo bilancio approvato. Ciò in quanto, evidenzia il notariato, in tutte le varianti di obbligazioni del genus convertibili, risulta realizzata la ratio della norma volta a eliminare il limite ogniqualvolta l’operazione sia finalizzata alla realizzazione di un investimento non di mero prestito bensì potenzialmente anche di equity.

 

Nelle operazioni straordinarie extra Ue vale la regola del codice

Il notariato ribadisce l’importanza dell’atto pubblico di fusione che è fase essenziale del procedimento stesso dell’operazione straordinaria. Quindi nel caso di fusione di una società italiana che partecipi a una fusione transfrontaliera da cui risulti una società straniera (quale nuova società o come incorporante), se la legge della società risultante dalla fusione non richiede l’atto pubblico, lo stesso deve essere redatto dal notaio italiano (art. 12 c. 3, dlgs 108/08) in quanto esso rappresenta la condizione per il rilascio del certificato preliminare (art. 11, dlgs 108/08) poiché con tale certificato il notaio attesta il regolare adempimento di tutti gli atti e le formalità richiesti dalla legge italiana e l’inesistenza di circostanze ostative all’attuazione della fusione.

L’assemblea totalitaria può decidere la sede di riunione

Nel caso di assemblea totalitaria, ossia nella quale è rappresentato l’intero capitale sociale e a cui partecipa la maggioranza dei componenti dell’organo amministrativo e di controllo (art. 2366, c. 4 per le spa), oppure partecipa l’intero capitale sociale e sono presenti o informati della riunione tutti gli amministratori e i sindaci (art. 2479-bis, c. 5 c.c. per le srl), per i notai ambrosiani, il luogo di svolgimento è del tutto svincolato dal limite geografico entro cui deve essere convocata l’assise. Ciò in quanto il luogo di adunanza assembleare nonché la sua indicazione nel contratto sociale e nell’avviso di convocazione risultano meramente strumentali a tutelare l’interesse dei soci a essere informati della riunione per potervi intervenire. Fatto questo assicurato dalla condizione di partecipazione dell’intero capitale sociale. Unica eccezione, invero rara, sarebbe apposita clausola statutaria che preveda uno specifico limite geografico al fine di garantire la massima partecipazione degli organi sociali ossia dei soggetti per i quali è possibile ipotizzare una parziale assenza nelle assemblee totalitarie. Tale non conformità potrebbe essere ovviata con la dichiarazione di non volersi opporre alla trattazione degli argomenti da parte dei soggetti legittimati all’impugnazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa