Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Email, no al Grande fratello

Sono illegittimi i controlli a tappeto su computer, posta elettronica e telefoni da parte del datore di lavoro sui propri dipendenti. Lo ha sancito la prima sezione civile della Cassazione con sentenza 18302-2016 depositata ieri mettendo così la parola fine a una causa che aveva visto contrapporsi l’Istituto poligrafico e zecca dello Stato e il garante per la privacy.

Quest’ultimo, nel 2011, aveva emesso un provvedimento vietando al Poligrafico «l’ulteriore trattamento, nelle forme della conservazione e della categorizzazione, dei dati personali dei dipendenti, relativi alla navigazione Internet, all’utilizzo della posta elettronica e alle utenze telefoniche chiamate dai lavoratori».

In particolare, il servizio di navigazione del web predisposto dal Poligrafico sui dipendenti, «non si limitava», sottolineava il garante, «a rifiutare la connessione dei lavoratori ai siti non inerenti l’attività del Poligrafico, ma memorizzava ogni accesso e anche ogni tentativo di accesso» conservando i dati nel sistema per un periodo da sei mesi a un anno. Il garante censurava poi il sistema di conservazione «per prolungato periodo di tempo» sul server aziendale dei messaggi di posta elettronica inviati e ricevuti dai dipendenti e la possibile «visualizzazione integrale» da parte degli amministratori di sistema, senza aver fornito una specifica informativa in merito. Stessa situazione, poi, era stata rilevata sul traffico telefonico. Il Poligrafico, dunque, si era rivolto al tribunale di Roma, che, nel 2013 aveva ritenuto che tali controlli violassero quanto stabilito dall’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori: «L’utilizzazione di tali impianti e apparecchiature per esigenze organizzative e produttive – aveva sottolineato il giudice di merito – è consentita al datore di lavoro ma solo a condizione di raggiungere un’intesa con le rappresentanze sindacali dei lavoratori oppure a seguito dell’espletamento delle procedure suppletive indicate dalla legge, mentre la loro utilizzazione è senz’altro vietata se attuata con la specifica finalità di esercitare una vigilanza sull’attività dei lavoratori».

Contro tale pronuncia il Poligrafico aveva presentato un ricorso in Cassazione, che è stato rigettato dai giudici di piazza Cavour: con la sentenza depositata ieri la Cassazione ricorda che la linea adottata dalla giurisprudenza di legittimità prevede che «l’effettività del divieto di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori richiede che anche per i cosiddetti controlli difensivi trovino applicazione le garanzie» previste dall’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori e che «comunque questi ultimi non si traducano in forme surrettizie di controllo a distanza dell’attività lavorativa» dei dipendenti».

Se, aggiungono i supremi giudici «per l’esigenza di evitare attività illecite o per motivi organizzativi o produttivi, possono essere installati impianti e apparecchiature di controllo che rilevino dati relativi anche all’attività lavorativa» dei dipendenti, «la previsione che siano osservate le garanzie procedurali» di cui parla l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, «non consente che attraverso tali strumenti, sia pure adottati in esito alla concertazione con le r.s.a. si possa porre in essere», conclude la Cassazione, «anche se quale conseguenza mediata, un controllo a distanza dei lavoratori».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa