Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Elettricità in calo, rincaro per il gas In un anno risparmi per 96 euro

La famiglia tipo italiana, a fine 2016, potrebbe assorbire quasi del tutto l’incremento delle bollette di 100 euro per l’inserimento del canone Rai (100 euro) grazie ai risparmi su luce e gas. Secondo l’Autorità per l’Energia, infatti, quest’anno si risparmieranno sulle bollette 96 euro rispetto al 2015 e il taglio dei costi sarà da imputare soprattutto al gas (91 euro).

Nel quarto trimestre del 2016, comunque, tornerà a scendere anche il costo delle bollette della luce per le famiglie e i piccoli consumatori che non hanno scelto il libero mercato e si rivolgono ancora al mercato tutelato: si tratta di circa 20 milioni di utenti.

Nello specifico, secondo quanto previsto dall’Autorità per l’Energia, dal 1° ottobre il costo dell’elettricità scenderà dell’1,1% mentre quello del gas salirà dell’1,7%. Per l’elettricità, la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (cioè compreso tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2016) sarà di 499 euro, con un calo dell’1,1% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° gennaio 2015-31 dicembre 2015), corrispondente a un risparmio di 5 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo nello stesso periodo sarà di circa 1.033 euro, con una riduzione dell’8,1%, corrispondente a un risparmio di 91 euro rispetto al 2015.

La riduzione del costo delle bollette elettriche — spiegano dall’Autorità per l’Energia — è stato determinato principalmente dal calo della componente a copertura dei costi di approvvigionamento sui mercati all’ingrosso, e in maniera importante dalla riduzione dei costi di dispacciamento (cioè dei costi sostenuti dal Gestore della rete, Terna, per il mantenimento in equilibrio e in sicurezza del sistema elettrico), anche grazie ai primi effetti dei provvedimenti dell’Autorità «per far cessare e perseguire le possibili condotte anomale dei mesi scorsi tenute dagli operatori dell’offerta e della domanda nei mercati all’ingrosso dell’elettricità». Questi provvedimenti — aggiungono ancora dall’Autorità dell’Energia — potrebbero determinare sanzioni per chi ha messo in atto condotte anomale e «restituzioni in tariffa a risarcimento dei consumatori». Quanto poi alle recenti sentenze dei giudici amministrativi sul prezzo delle bollette della luce, queste — precisano sempre dall’Autorità per l’Energia — non hanno avuto effetto sui prezzi appena aggiornati: «L’aggiornamento non tiene in considerazione i possibili effetti derivanti dalle diverse decisioni della giustizia amministrativa in merito all’aggiornamento del III trimestre 2016, che resta un caso a se stante e che non “propaga” i propri effetti sul IV trimestre o sui successivi del 2017», si legge ancora nella nota dell’Autorità. A breve, comunque, con un nuovo provvedimento, come richiesto del Tar della Lombardia, l’Autorità per l’Energia definirà le modalità che regoleranno in modo automatico gli eventuali rimborsi agli utenti. Nei mesi scorsi i giudici amministrativi hanno prima bloccato gli aumenti delle tariffe di luglio e poi le hanno ammesse, imponendo però all’Autorità dell’Energia, in attesa di un intervento di merito previsto per febbraio, di creare un fondo per gli eventuali rimborsi.

Michelangelo Borrillo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Pasticcio di golden power alla parmigiana. La Consob ha sospeso, dal 22 gennaio e per massimi 15 gio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il progetto di integrazione di Stellantis prosegue a marcia spedita. Dopo la maxi cedola di 2,9 mili...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la stagione dei conti societari a Wall Street con la pubblicazione, tra oggi e domani...

Oggi sulla stampa