Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Electrolux, trovato l’accordo

Nessun licenziamento, nessun taglio di salario e nessuna riduzione delle pause nelle fabbriche in cui ci saranno incrementi del numero dei pezzi-ora, ma esclusivamente della pausa aggiuntiva a Porcia che passerà da 10 a 5 minuti. Non ci sarà alcun taglio delle ore di assemblea, ma consistente sarà invece la riduzione del monte ore sindacale, oggi superiore a quanto previsto dal contratto nazionale: -60% a partire dal 2015.
Sono questi, in sintesi, i punti cruciali su cui, nella notte tra lunedì e martedì, si è trovato l’accordo tra Electrolux e i sindacati dei quattro stabilimenti italiani. L’intesa, che ieri è stata limata e formalizzata, è il frutto di tre ore di vertice al ministero dello Sviluppo economico tra il ministro Federica Guidi, il viceministro Claudio De Vincenti, il sottosegretario al Lavoro Teresa Bellanova e i segretari generali di Fiom-Cgil Maurizio Landini, Fim-Cisl Giuseppe Farina e Uilm Rocco Palombella. Vertice che ha fatto seguito agli incontri pomeridiani tra azienda e sindacati.
Sono stati risolti, dunque, i punti di attrito principali, in particolare la richiesta dell’azienda di eliminare la pausa di 10 minuti a Porcia, che è stata ridotta a un taglio di 5 minuti, mentre dall’altra parte i sindacati hanno acconsentito a una riduzione dei permessi sindacali del 60 per cento. In questo modo, ha dichiarato la Fim, «si è ridotto il costo del lavoro senza influenzare negativamente le retribuzioni dei lavoratori, né penalizzare le condizioni della prestazione lavorativa». Restano validi i punti “conquistati” durante le scorse settimane di trattativa: il ricorso ai contratti di solidarietà, e quindi alla riduzione degli orari di lavoro per salvaguardare l’occupazione, un piano industriale che garantisce investimenti e produzioni per tutti gli stabilimenti italiani del gruppo, la decontribuzione a sostegno del piano industriale da parte del Governo, la salvaguardia delle condizioni di lavoro e del salario. In particolare, il piano industriale (6mila dipendenti) esclude esuberi e licenziamenti fino al 2017, conferma in attività tutti e quattro i siti italiani e prevede 150 milioni di investimenti. Nel 2018 ci sarebbero, invece, 1.200 esuberi su 6.185 dipendenti, che l’azienda sarebbe disposta a ridurre fino a 800, di cui 300 risolvibili con mobilità incentivata volontaria e aggancio alla pensione.
«Nella vicenda Electrolux ognuno ha fatto bene la sua parte – ha detto il ministro Guidi –. Il Governo e le Regioni, attraverso la decontribuzione e il finanziamento agevolato alla ricerca; l’azienda, con un piano di investimenti e l’impegno a ridurre al minimo l’impatto occupazionale; i sindacati e i lavoratori accettando contratti di solidarietà e flessibilità».
Nella giornata di ieri si è lavorato, prima per delegazioni e poi con l’azienda, sui testi definitivi dell’accordo e anche sul piano sociale e gli incentivi all’esodo. Sempre da scrivere è la parte sull’aumento delle velocità della catena di montaggio, su cui, secondo la Fiom, «sarà necessario introdurre vincoli e verifiche per evitare il peggioramento delle condizioni di lavoro». Oggi è previsto il Tavolo generale al ministero con i presidenti delle Regioni, per la ratifica dell’intesa, che giovedì verrà presentata a Palazzo Chigi al premier Matteo per la firma definitiva. E a partire da venerdì si svolgeranno le assemblee in tutti gli stabilimenti per illustrare i contenuti dell’ipotesi di accordo che verrà sottoposta al referendum tra i lavoratori.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa