Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Effetto crisi», i consumi scendono. Nelle feste spese ridotte di 400 milioni

di Lorenzo Salvia

ROMA — Un Natale da Quaresima. E se cambiano i conti, a seconda di chi li fa, la sostanza resta la stessa: durante le prime feste ai tempi dello spread abbiamo speso molto meno che negli anni passati. Secondo le stime della Coldiretti, ad esempio, tra cenone della vigilia e pranzo del 25 sono andati via 2,3 miliardi di euro, il 18% in meno dell'anno scorso, la cifra più bassa dal 2001. E se ci alziamo da tavola il segno meno continua a tenerci compagnia, insieme agli effetti della crisi e delle tre manovre approvate nella seconda metà di questo difficile 2011.
Dicono i calcoli dell'Osservatorio nazionale di Federconsumatori che la spesa totale del periodo natalizio ha raggiunto i 4 miliardi di euro, contro i 4,4 previsti dall'organizzazione. In media ogni famiglia ha tirato fuori 166 euro. Con una riduzione rispetto al Natale scorso del 24% nel settore dell'arredamento, del 18% per vestiti e scarpe, dell'8% per il turismo, del 7% per i profumi e del 3% pure per i giocattoli. Stabile la spesa per libri e cd, settore dove ci sono state forti promozioni, mentre l'unica voce in attivo è quella dell'elettronica che guadagna l'1%, spinta dalla vendita di smartphone e dal passaggio al digitale terrestre in alcune regioni. In questo settore — dice Paolo Galimberti, presidente di Euronics Italia e dei giovani imprenditori di Confcommercio — il «Sud è andato un pochino meglio rispetto al Nord, che registra una dato sensibilmente preoccupante».
Di numeri ce ne sono altri ancora, come i 48 euro che ogni italiano avrebbe speso in meno rispetto agli anni precedenti, secondo il Codacons. Ma quello che conta è la lettura di questa sfilza di segni meno e soprattutto le previsioni per i prossimi mesi, a partire dai saldi che quest'anno saranno anticipati proprio per tentare di salvare la stagione. «Coinvolgeranno le famiglie che non hanno comprato nulla a Natale e saranno un disastro totale», pronostica il presidente di Federconsumatori Rosario Trefiletti, che sottolinea come solo il decreto del governo Monti «costerà alle famiglie 1129 euro». Ed è proprio la manovra, anzi le manovre, a far entrare i conti di Natale nel dibattito politico: «Gli italiani hanno speso 400 milioni in meno — dice Antonio Di Pietro — e gli effetti dell'intervento del governo sulle loro tasche devono ancora iniziare a farsi sentire. Se milioni di persone non hanno un euro in tasca come faranno a rilanciare la crescita?». Per una volta il leader dell'Italia dei valori si trova d'accordo con il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone: «I primi dati sulla drastica compressione dei consumi natalizi sono un anticipo degli effetti recessivi e depressivi (per ora psicologici ma presto purtroppo concreti e tangibili) di una manovra troppo concentrata sugli aumenti di tasse». Manovra «recessiva», anche secondo il responsabile economico del Pd Stefano Fassina, che però aggiunge: «Berlusconi dovrebbe ricordare di essere responsabile di 20 miliardi di buco che ha lasciato in eredità al governo Monti a causa della delega fiscale».
Dibattito politico a parte, ci sono altri due dati poco incoraggianti. Il primo lo ricorda la stessa Federconsumatori: «Gli italiani hanno risparmiato su tutto tranne che sul gioco e questo non è positivo. Si tenta la fortuna per uscire da una situazione molto negativa». Il secondo è un numero nero che nemmeno un Natale di crisi come questo è riuscito a cambiare. Secondo la Coldiretti quasi un quarto dei piatti preparati per il cenone della vigilia o il pranzo del 25 sono finiti tra gli avanzi. A fare i conti si arriva a mezzo miliardo di euro che rischia di passare direttamente dalla tavola al bidone della spazzatura. Qualcosa in più di quello che a Natale abbiamo speso per il vino, lo spumante e tutte le altre bevande. Visto il momento, uno spreco doppio.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il consiglio di Atlantia (e quello di Aspi) hanno risposto al governo. Confermando di aver fatto tut...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Serviranno ancora un paio di mesi per alzare il velo sul piano industriale «di gruppo» che Mediocr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il piano strategico al 2023 rimane quello definito con Bce e sindacati. Ma una revisione dei target ...

Oggi sulla stampa