Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Effetto Brexit, cade il mito dei Lloyds Pronti a tradire il monopolio di Londra

L’esodo sta cominciando. I Lloyd’s di Londra, il più grande mercato assicurativo mondiale per i rischi speciali, annunceranno domani lo spostamento di parte delle attività in Europa: la scelta sarà fra Lussemburgo e Bruxelles, dopo che sono state scartate le alternative di Dublino, Francoforte, Malta e Parigi.

La data non è casuale: mercoledì il governo britannico attiverà l’Articolo 50 dei Trattati europei, ossia la procedura per uscire dalla Ue, che sarà conclusa entro due anni. Ma i grandi operatori finanziari e assicurativi non hanno intenzione di aspettare: dal momento che lo scenario più probabile è quello di una «hard Brexit», ossia di una fuoriuscita totale di Londra dal mercato comune, stanno già correndo ai ripari e prospettano di aprire importanti «basi» in Europa.

Il problema è che con la Brexit la City di Londra, al momento polmone finanziario d’Europa, rischia di perdere i «diritti di passaporto», ossia la possibilità di operare in regime di equivalenza sui mercati europei. E allora per le aziende si pone la necessità di trasferire attività, uffici e personale nell’area comunitaria.

Dal Lussemburgo fanno sapere che ci sono altre tre o quattro assicurazioni pronte al parziale trasferimento, mentre Dublino ha già ricevuto una decina di manifestazioni d’interesse.

Ovviamente la Brexit è in cima alle preoccupazioni anche delle banche d’investimento. Hsbc dovrebbe spostare a Parigi un migliaio di persone, responsabili per un quinto del volume d’affari basato ora a Londra. Cifre simili per Ubs, che raggrupperà a Francoforte gran parte delle sua attività di gestione patrimoniale. Anche Goldman Sachs ha un piano per spostare centinaia di persone a Francoforte, mentre JPMorgan potrebbe far fare le valigie addirittura a un quarto dei suoi 16 mila impiegati londinesi. Considerato che i servizi finanziari generano il 10 per cento del Pil britannico, le conseguenze dell’esodo sono facilmente immaginabili.

Luigi Ippolito

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un anno dopo aver scosso Wall Street mettendo le politiche a tutela dell’ambiente al centro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proprio nel giorno delle dimissioni del governo Conte dagli ambienti finanziari trapela con determin...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il Cr7 dei banchieri ha vinto, come nelle previsioni, la corsa per la poltrona più alta d...

Oggi sulla stampa