Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Effetto 007, scontrini e fatture record

ROMA — Tutti noi dovremo aspettare fino al 2015, perché fino ad allora quel benedetto fondo per la restituzione ai cittadini onesti del «tesoretto» sottratto ai «furbetti» delle tasse servirà per tener basso il deficit pubblico. Ma già oggi c’è chi raccoglie i primi dividendi della guerra all’evasione, e sono anche belli sostanziosi: l’industria dei cosiddetti «prodotti fiscali» sta volando. Produttori e rivenditori di rotoli di scontrini, blocchetti di ricevute, bolle di trasporto, registri, stanno facendo affari d’oro. Dal blitz della Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle Entrate a Cortina, tra Natale e Capodanno, le vendite sono letteralmente schizzate all’insù.
Nel primo trimestre di quest’anno uno dei principali rivenditori del mercato ha registrato un incremento delle vendite dei prodotti fiscali del 14% rispetto al primo trimestre dell’anno scorso. Alla faccia della crisi dell’economia e del prodotto interno lordo, che quest’anno secondo il governo diminuirà dell’1,2%. Commercianti, artigiani, professionisti, ristoratori, albergatori, ambulanti, se non assaliti da un improvviso impeto di amore fiscale verso il Paese, evidentemente spaventati dai controlli a tambur battente della Guardia di Finanza, corrono ai ripari.
Il record spetta alle estetiste, che fanno la fila nelle cartolerie e nei negozi di prodotti per ufficio: dall’inizio dell’anno le vendite dei blocchetti di ricevute fiscali destinate a quella specifica attività è cresciuta del 58%, ma tutto il mercato dei prodotti fiscali cresce a cifra doppia. Del resto, le cronache dei giornali appaiono come bollettini di guerra: a Firenze un commerciante su cinque non batte gli scontrini, a Lecce 479 esercizi su 996 fuori regola, a Milano evade un negozio su tre, a Bari 38 negozi su 90 multati e ben 14 chiusi per un mese.
Sì, perché la mancata emissione dello scontrino porta a una multa di 516 euro, ma se si ripete per quattro volte nell’arco di cinque anni può portare anche all’abbassamento forzato della saracinesca. E allora qualcuno comincia a pensare che il rischio si sia fatto troppo alto, e che le tasse sia meglio pagarle. Per farlo servono gli scontrini e le ricevute fiscali, e questi sono i dati delle strabilianti vendite del primo trimestre: scontrini per gli ambulanti più 32% , ricevute per gli alberghi ancora un 32% in più, ricevute fiscali generiche destinate alle attività artigianali e commerciali più 23%, quelle destinate ai barbieri più 17% e così via.
Un boom. Ma anche un ottimo segnale per i cittadini che di tasse ne pagano fin troppe, e per l’amministrazione fiscale, che comincia a contare sul fattore deterrenza nella battaglia contro il sommerso. Che visti i risultati, anche in termini di incassi, continuerà senza tregua, contando anche sui nuovi strumenti. Come gli accertamenti sui furbetti dello scontrino: nella pianificazione dei controlli, l’amministrazione fiscale terrà conto anche delle segnalazioni «non anonime» delle «violazioni tributarie, incluse quelle relative all’obbligo di emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale». Non bastassero i blitz delle Fiamme gialle e dell’Agenzia, per i commercianti scatta anche il rischio della spiata. Sul sito internet www.tassa.li, realizzato da un gruppo di informatici, ci sono già 84.300 segnalazioni di negozi che non rilasciano il documento fiscale. A farle diventare «non anonime» basta poco.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa