Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Edison e Bei, piano da 450 milioni per l’energia efficiente

La Bei cammina al fianco di Edison sulla via della sostenibilità, con 450 milioni di nuove risorse. L’istituto europeo ha firmato con il gruppo dell’energia guidato da Nicola Monti due operazioni. Si tratta del primo «Green Framework Loan» in Italia, una linea di credito di 300 milioni di euro per lo sviluppo di progetti di efficienza energetica e per la realizzazione di piccoli e medi impianti di rinnovabili, ma anche per il potenziamento energetico degli edifici, in conformità con il Decreto sviluppo. La durata del prestito è di 15 anni.

A questa cifra si aggiunge un finanziamento di 150 milioni per la realizzazione di un nuovo ciclo combinato a gas di ultima generazione, in sostituzione di una vecchia centrale termoelettrica in corso di dismissione a Marghera Levante.

L’impianto è orientato alla massima efficienza, con un rendimento energetico pari al 63%, emissioni di anidride carbonica inferiori del 40% rispetto alla media del parco termoelettrico nazionale ed emissioni di ossido di azoto più basse di oltre il 70%.

Per la Bei si tratta di operazioni in linea con la nuova «Energy lending policy», che supporta gli investimenti che contrastano il cambiamento climatico. «Siamo un operatore leader della transizione energetica in Italia e questo accordo è la conferma della validità del nostro piano di investimenti, focalizzato su rinnovabili, efficienza energetica e gas come fonte energetica di transizione, nonché della rilevanza di questi investimenti nell’accompagnare lo sviluppo sostenibile del Paese», ha spiegato l’amministratore delegato di Edison.

Il gruppo dell’energia, attivo in Italia fin dal 1898, quando realizzò la prima centrale idroelettrica del Paese, ha in piano di raddoppiare dal 20 al 40%, entro il 2030, la percentuale di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili e ridurre le emissioni specifiche di CO2. Al contempo, l’investimento su Marghera garantisce stabilità e sicurezza di approvvigionamento al sistema elettrico nazionale. Edison, dal 2012 parte del gruppo francese Edf, ha chiuso il primo trimestre 2020 con ricavi a 1,8 miliardi ed ebitda stabile a 180 milioni (+1,1%). I primi mesi dell’anno hanno visto il crollo dei consumi di energia elettrica del 4,5% rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre quelli di gas sono scesi del 6,5%, per effetto della pandemia. Nel 2019 i ricavi hanno toccato gli 8,2 miliardi di euro, con ebidta a 587 milioni (+38%), anche grazie alla performance delle rinnovabili.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa