Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Due mesi in più alla web tax

Slitta di due mesi il pagamento della web tax, dal 16 marzo al 16 maggio, e di otto, (dal 2 aprile al primo gennaio 2021) la riforma dello sport. Insieme alle proroghe per il versamento delle rate della pace fiscale anche il rinvio del versamento della web tax a maggio rientra tra le novità introdotte dal dl. Sostegni (dl. 41/2021) pubblicato il 22/3/2021 in Gazzetta ufficiale. L’obiettivo di molte delle nuove disposizioni previste dal dl. Sostegni è di concedere più tempo per gli adempimenti fiscali, attraverso alcune modifiche al calendario dei pagamenti. Tra i principali rinvii vi è lo stop alle attività di riscossione fino al 30 aprile 2021. Inoltre, per il pagamento delle somme dovute per la «rottamazione-ter» e il «saldo e stralcio» le rate del 2020, scadono il 31 luglio 2021 (prima prevista per 1° marzo 2021), mentre quelle in scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio 2021 potranno essere versate entro il 30 novembre 2021. Più tempo è stato concesso anche per la conservazione delle fatture elettroniche relative al 2019, il cui termine è stato prorogato di tre mesi (10 giugno 2021).

Per la fine di marzo, poi, sono stati fissate le scadenze l’invio dei dati relativi a oneri e spese sostenuti dai contribuenti nel 2020 e la comunicazione dell’opzione cessione del credito o sconto in fattura per il Superbonus 110%. Inoltre, entro il 31/3/2021 dovrà anche essere consegnata ai percepenti e trasmessa alle Entrate della Certificazione unica 2021. Infine, tra le varie proroghe vi è il rinvio della riforma delle sport al 2022. È, infatti slittata l’entrata in vigore dei decreti delegati contenenti la riforma dello sport (dlgs. 36/2021, 37/2021, 38/2021, 39/2021 e 40/2021), pubblicati nelle Gazzette ufficiali n. 67 del 18/3/2021 e 68 del 19/3/2021. Le disposizioni normative dei cinque provvedimenti, invece di partire ad aprile, slittano al 1° gennaio 2022. L’unica eccezione riguarda le disposizioni in materia di lavoro sportivo, la cui decorrenza era già fissata per il 1° luglio 2022 (stagione sportiva 2022/2023).

Dunque, per l’estensione anche ai lavoratori dilettanti delle tutele previdenziali e assicurative previste per il settore professionistico, con il riconoscimento, per esempio, anche al direttore di gara, istruttore, atleta, allenatore, direttore tecnico/sportivo e preparatore atletico, si dovranno aspettare altri otto mesi prima di trovare applicazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa