Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Draghi: “Proteggeremo l’euro ma ora serve una vera Unione”

Anche la vigilanza bancaria unica risponde alle minacce contro l’eurozona. La Bce era e rimane determinata a proteggere l’euro, ha al centro del suo mandato la protezione della stabilità dei prezzi, ma ora ha bisogno di proteggere l’economia in un modo in più, per prevenire i rischi eccessivi del settore bancario e creare un modello economico sostenibile che contribuisca ad aumentare l’occupazione e la crescita. Ecco, in sintesi, il forte messaggio lanciato dal presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, alla cerimonia d’avvio ufficiale della supervisione bancaria unica da parte della Eurotower. E la presidente del Consiglio di vigilanza unico europeo, Danièle Nouy, ha aggiunto: la vigilanza sarà dura, l’eurozona ha bisogno di banche sane che godano la fiducia dei cittadini e dei mercati.

E’ stata, per Mario Draghi, una nuova occasione per lanciare segnali importanti in più direzioni, mentre continua a infuriare il confronto tra la sua linea più interventista e i richiami al severo rigore della Bundesbank, e a livello politico Berlino da un lato, Parigi e Roma dall’altro resta aperto. «Siamo fieri di assumere questa nuova funzione, e siamo impegnati a soddisfare le elevate aspettative». Secondo il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan il fronte rigorista si sta indebolendo : «L’Europa sta correndo un grosso rischio di rallentare di nuovo e la Germania sta cominciando a capire che non sono immuni all’impatto negativo di una nuova frenata».

L’istituzione della vigilanza bancaria europea, egli ha sottolineato, è stata il più grande passo verso l’integrazione dalla nascita dell’unione economica e monetaria. «La Bce rimane determinata a proteggere l’euro», ma «molto deve ancora essere fatto per migliorare l’unione, non solo nel settore bancario bensì anche in relazione ai mercati dei capitali e nei sistemi economici e fiscali». La responsabilità della Bce verso i cittadini del continente, egli ha continuato, «è infatti di creare un modello economico sostenibile per aumentare lavoro e crescita».

Vigilanza unica e meccanismo di risoluzione delle crisi bancarie sono due dei tre pilastri dell’unione bancaria, egli ha ancora spiegato; il terzo pilastro è lo schema di assicurazione dei depositi. L’approccio ha tre componenti: «L’accordo politico a livello europeo su obiettivi ben definiti, un’autorità europea con forti poteri e un sistema integrato in grado di riflettere le diversità europee». Dunque, ha posto l’accento sull’esigenza di nuovi, accresciuti poteri europei rispetto alle sovranità nazionali nell’eurozona e indirettamente nell’intera Unione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa