Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Draghi: la Bce garantisce stabilità

di Stefania Tamburello

ROMA -«Dalla lira all’euro» , dall’unificazione italiana alla partecipazione europea, quel filo della storia monetaria che testimonia i 150 anni dell’Unità del nostro paese. E che evidenzia «l’importanza della stabilità monetaria e di una cultura politica ed economica che ne riconosca il valore» . Il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi ha presentato così la mostra organizzata dall’Istituto di via Nazionale per celebrare l’anniversario che è stata inaugurata ieri al Palazzo delle Esposizioni a Roma alla presenza del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Quello del governatore è stato un discorso di impronta storica, che ha tracciato il cammino della lira, dal passaggio, tra l’Ottocento e il Novecento, da un sistema in cui la moneta era un metallo prezioso o in esso convertibile, a uno di moneta puramente fiduciaria; dal sistema di Bretton Woods al suo abbandono all’esordio degli anni Settanta. Ma è stato anche un discorso d’attualità per il continuo riferimento al concetto di stabilità monetaria che «muta nel tempo, insieme alle condizioni tecnologiche e istituzionali che la determinano» . E che richiama il prossimo appuntamento della Bce, che giovedì esaminerà l’ipotesi di rialzo dei tassi per frenare possibili minacce inflazionistiche e tutelare appunto la stabilità. Che è ora «affidata alla credibilità e alla sapienza tecnica delle banche centrali» . Oggi , ha aggiunto Draghi, «si ha ragione di ritenere che la stabilità della moneta e dei prezzi sia legata alle aspettative degli operatori» . Queste «si formano sulla base di elementi come la chiarezza e la certezza delle regole di creazione della moneta; l’affidabilità e la credibilità delle istituzioni che la governano» . Le banche centrali «sanno oggi che una comunicazione efficace, una comprensione diffusa delle questioni monetarie sono essenziali per il successo della propria strategia monetaria» . L’Eurosistema «è dunque impegnato a condividere con i mercati e con le opinioni pubbliche il proprio modo di pensare, di decidere e di agire. È anche così che si ancorano alla stabilità le aspettative sui prezzi nel medio lungo periodo» . In conclusione, la stabilità monetaria è «un valore, che è patrimonio, comune e fondante, della cittadinanza europea» . La mostra sulle monete era stata illustrata in mattinata, prima della sua inaugurazione, dal direttore generale di Bankitalia Fabrizio Saccomanni. Il quale ha ribadito come l'euro sia «irrinunciabile» e sia «uno scudo alla difesa della stabilità, ma non rappresenta la soluzione» ai problemi di squilibri o alle mancate riforme.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa