Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Draghi blinda la politica monetaria «I tassi resteranno bassi a lungo»

Della successione a Mario Draghi alla guida della Bce si parla ormai esplicitamente in quasi tutti i palazzi europei. Sarà una nomina di grande importanza. Ieri, però, si è capito che, chiunque arrivi al suo posto, difficilmente potrà cambiare con un colpo di penna la politica monetaria espansiva in essere dal 2014.

Durante una conferenza a Francoforte, il presidente della Banca centrale europea ha gettato le basi dell’azione che l’istituzione svilupperà in futuro: sono linee guida che vanno oltre il termine del suo mandato e che, se fossero rovesciate dopo la sua partenza, creerebbero onde alte sui mercati (e nella politica del continente). Una specie di «vincolo Draghi».

Ieri, il presidente della Bce ha parlato estesamente di come evolverà la politica monetaria nell’eurozona nei prossimi mesi, cioè nella fase di uscita dalle misure non convenzionali in essere e di ritorno alla normalità. Ha ribadito che i tassi d’interesse rimarranno ai livelli attuali (a zero quello di riferimento, a meno 0,4% quello sui depositi delle banche presso la Bce) fino a «ben oltre» la fine degli acquisti netti di titoli sui mercati da parte della banca centrale (oggi di 30 miliardi al mese). Ma anche quando le prospettive dell’inflazione diventano «meno dipendenti dagli acquisti netti di asset – ha chiarito – la politica monetaria ha ancora bisogno di essere paziente, persistente e prudente».

La tempistica prevedibile è all’incirca questa. Se gli acquisti sui mercati finiranno come previsto il prossimo settembre (ma potrebbero andare oltre),«lo strumento principale per dare forma alle nostre intenzioni diventerà il sentiero dei nostri tassi chiave e la forward guidance (le indicazioni sul futuro, ndr ) sulla loro probabile evoluzione», ha spiegato Draghi. Anche quando i tassi d’interesse inizieranno ad aumentare (si suppone, al momento, verso la metà del 2019) «gli aggiustamenti alla nostra politica resteranno prevedibili e procederanno a passo misurato». Con l’obiettivo di consolidare la crescita dell’inflazione e la sua sostenibilità sul medio periodo a un livello vicino ma inferiore al 2%.

In altri termini, la forward guidance (in sostanza il quadro e la tempistica delle mosse future) indicherà una traiettoria dei tassi in crescita lenta e prudente anche nei mesi successivi alla scadenza del mandato di Draghi e all’arrivo del nuovo presidente. Il banchiere italiano se ne andrà ma l’ombra della sua politica continuerà per altri mesi a stendersi sulle scelte monetarie che saranno prese dal Consiglio dei Governatori della Bce. Consiglio nel quale il nuovo presidente troverà numerosi capi delle banche centrali nazionali che non vorranno cambi repentini agli orientamenti già comunicati ai mercati.

Questa sorta di vincolo di continuità che Draghi introduce condizionerà le mosse del suo successore, soprattutto se questi dovesse essere un banchiere centrale del cosiddetto fronte del Nord, orientato a una politica monetaria più restrittiva, favorevole a un aumento dei tassi d’interesse più rapido e più consistente.

In particolare, al momento il candidato che gli osservatori danno per favorito è il presidente della Bundesbank Jens Weidmann. Non è affatto detto che la scelta dei governi cada su di lui. Un certo fuoco di sbarramento è già iniziato, anche da membri interni al Consiglio dei Governatori: per dire che un presidente tedesco sarebbe un problema soprattutto per la Germania, che per averlo dovrebbe fare concessioni forti su altri dossier. Ma se anche la sua candidatura fosse accettata (al momento non si sa quanto Angela Merkel sia disposta a combattere per conquistarla, anche se nel suo partito molti si indignano all’idea che il presidente della Bce non possa mai essere tedesco), Weidmann si troverebbe in una posizione non facile se decidesse di spingere per una svolta netta rispetto al passato.

Difficile prevede oggi come sarà l’economica dell’eurozona alla fine del 2019. Ma Draghi assicura che la politica monetaria non potrà che essere di stimolo per un lungo periodo, fino a quando la crescita, i salari e l’inflazione non saranno su un piede solido. Chiunque arrivi.

Danilo Taino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre mesi per le riforme. Cruciali, delicatissimi, fondamentali. Un calendario denso che nelle intenz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bastano uno smartphone o una chiavetta usb per registrare conversazioni dal vivo o telefoniche e rac...

Oggi sulla stampa