Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dove investire i capitali più coraggiosi

Rendimenti molto bassi. Per chi non vuole affrontare con i suoi risparmi nessun tipo di incertezza si parla addirittura di tassi negativi: il bund tedesco a due anni in questi giorni è precipitato a -0,32% seguito a ruota dal Btp italiano. L’alternativa — se si desidera guadagnare — è allungare qualche passo in territori meno garantiti. In altre parole: rischiare di più.
I meccanismi
Chi ha fatto una scommessa sui Btp lunghi quattro anni fa — all’epoca ci voleva del fegato perché i titoli di Stato italiani erano ad un passo dal fallimento — oggi si trova nella condizione di vivere ancora di rendita. E comunque torniamo al punto: questi investitori stanno guadagnando ora ( vedi pezzo sotto ) perché hanno corso un rischio notevole. Oggi diciamo che gli è andata di lusso, ma quando hanno investito nessuno poteva garantire. Tra breve, però, anche questo «colpo di fortuna» esaurirà i suoi effetti.
Quali sono le alternative? A oggi l’investimento in un Btp decennale rende circa l’1,6% lordo: in tasca resta l’1% (più o meno) al netto di tasse e spese perché, in questo momento, l’inflazione dorme. Bisogna augurarsi che non vada sempre così — perché altrimenti il sistema economico non riparte — e questo aprirà nuovi problemi, sempre più complessi, di fronte a chi deve investire. Quando i tassi salgono, infatti, investire in obbligazioni non è semplice. Perché se non si è certi di poter portare a scadenza gli impegni presi, il rischio di perdere in conto capitale (se i tassi salgono le quotazioni dei titoli scendono) è sempre dietro l’angolo.
Due domande
A chi si domanda come investire adesso, dunque, tocca una doppia valutazione. Quanto rischio mi posso prendere in più? E quali rotte posso scegliere se ho deciso che una parte dei miei risparmi può essere più coraggiosa di quanto sia stata finora?
La soluzione per molti non è certo quella di stravolgere il portafoglio, ma di disegnare un percorso ragionevole di diversificazione. Non ha senso rinunciare del tutto alle obbligazioni, anche se rendono poco, avverte Raffaele Zenti, strategist di AdviseOnly che ha costruito tre portafogli ( vedi a pagina 24 ) adatti a tre diverse possibilità di mettersi in viaggio con una maggior dose di attenzione agli strumenti che possono offrire nel tempo un extra rendimento a chi osa.
L’entrata in campi complessi (le valute, i bond meno affidabili, i titoli azionari di Paesi lontani) consiglia l’utilizzo di mezzi adeguati.
Fondi ed Etf sono alla portata di tutti. I primi richiedono un ulteriore expertise sui costi e sulle capacità di chi li guida. Con gli Etf si compra il mercato, a prezzi molto bassi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa