Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Doppia scadenza per il 110%

Posta la quasi inevitabile proroga a causa della pandemia da Covid-19, per evidente impossibilità ad eseguire gli interventi nei termini indicati, attualmente per poter fruire della detrazione maggiorata del 110%, le spese per gli interventi agevolati devono essere sostenute nell’intervallo che va dal 1° luglio scorso al 31/12/2021. Un maggior termine (30/06/2022) è stato previsto, invece, per gli interventi eseguiti dagli Istituti autonomi case popolari (Iacp) o enti equipollenti, probabilmente per maggior carico di adempimenti burocratici.

Ciò si evince, in modo inequivocabile, dai commi 1 e 3-bis, dell’art. 119 del dl 34/2020, con riferimento al sostenimento delle spese documentate per ottenere la detrazione maggiorata del 110% mentre, ai soli fini dell’ottenimento dello sconto in fattura o per la cessione della detrazione d’imposta, l’art. 121 del medesimo decreto indica semplicemente gli anni 2020 e 2021.

La conseguenza è che, come precisato dall’Agenzia delle entrate (circ. 24/E/2020 $ 4), la detrazione spetta «sulle spese effettivamente sostenute e rimaste a carico del contribuente», distinguendo il relativo momento di sostenimento tra quello delle persone fisiche (principio di cassa) e quello delle imprese e società o enti commerciali (principio della competenza), di cui all’art. 109 del dpr 917/1986 (Tuir).

Quindi, abbiamo almeno tre limiti temporali diversi da verificare: uno per la generalità dei contribuenti (1/7/2020-31/12/2021), uno per gli Iacp (1/7/2020-30/6/2022) e uno per la generalità dei fruitori che sono intenzionati a trasferire il credito d’imposta (1/01/2020-31/12/2021) che devono essere, inevitabilmente, considerati distintamente, cui si aggiunge quella, comunque presente, dell’avvio e della chiusura dei lavori.

Con una recente risposta dell’Enea (Faq n. 4) è stato precisato, infatti, che la detrazione maggiorata del 110%, che fa riferimento all’art. 14 del dl 63/2013, si rende applicabile per le spese documentate (quindi con documento di appoggio) e rimaste a carico del contribuente (quindi non rimborsate, per esempio da imprese assicurative), sostenute (quindi pagate con bonifico) dall’1/7/2020 fino al 31/12/2021, da ripartire tra gli aventi diritto, in cinque quote annuali di pari importo.

La norma non impone una data di inizio lavori ma richiede che la detrazione del 110% si applichi «alle spese sostenute a partire dallo scorso 1° luglio», indicando alcuni vincoli e requisiti per gli interventi «trainanti» (cappotto, sostituzione degli impianti di climatizzazione e sismabonus), tra cui i limiti di spesa, il requisito dei materiali da utilizzare, la tipologia di allaccio alla rete di teleriscaldamento e delle caldaie a biomassa.

Quindi, la detrazione maggiorata trova applicazione anche con riferimento agli interventi iniziati prima del 1° luglio scorso purché siano rispettate le condizioni imposte dall’art. 119 del dl 34/20220 che, con espresso riferimento a quelli di efficienza energetica, riguardano anche l’ottenimento di una attestazione di prestazione energetica (Ape), ante e post intervento, con l’ulteriore specifica che «la documentazione da produrre in questi casi sia quella richiesta per gli interventi con data di inizio lavori a partire dal 1° luglio 2020» e, inevitabilmente, non per quelli iniziati in data anteriore e ammessi alla detrazione maggiorata; con la risposta successiva (Faq n. 5), l’Enea, nel caso di lavori iniziati anteriormente alla detta data del 1° luglio 2020 precisa che l’Ape ante intervento deve riferirsi «alla situazione esistente alla data di inizio dei lavori», quindi prima del 1° luglio scorso.

L’art. 121, inoltre, prevede che i soggetti che sostengono, negli anni 2020 e 2021, spese per determinati interventi, possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, alternativamente per lo «sconto sul corrispettivo» o per la «cessione della detrazione» e, quindi, dal punto di vista temporale mentre la fruizione della detrazione maggiorata è legata al sostenimento delle spese nell’intervallo tra l’1/7/2020 e il 31/12/2021 (30/6/2022 per gli Iacp), la cessione o lo sconto in fattura si riferiscono alle spese sostenute negli anni 2020 e 2021, anche sulla base delle «rate residue non fruite» (Agenzia delle entrate, circ. 24/E/2020 § 7), con la conseguenza che emerge chiaramente anche l’ulteriore possibilità di eseguire un cambio postergato tra utilizzo diretto della detrazione e cessione (non sconto) della stessa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un passetto alla volta. Niente di clamoroso, ma abbastanza per arrivare all’11% tondo, dopo una se...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non sempre il vino corrisponde al giudizio del venditore. Ma le cifre che giovedì Mediobanca — co...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rush finale e già scontro sui nomi dei manager che dovranno guidare il Recovery plan e sui progetti...

Oggi sulla stampa