Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Doppia quattordicesima per le pensioni minime Oggi via libera al Def

Rush finale per l’aggiornamento del Documento di economia e finanza stasera all’esame dal Consiglio dei ministri. Una vigilia segnata da un ulteriore pressing di Matteo Renzi sull’Europa: «I soldi che spendiamo per i migranti e per il terremoto, soprattutto per le scuole, non li voglio conteggiati nel patto di stabilità. Questo lo abbiamo detto e lo facciamo. La Ue si mette contro? Si fa lo stesso», ha ammonito intervistato ieri sera a “Quinta colonna” su Rete 4.
Il premier è entrato anche nel merito della legge di bilancio esercitandosi in trasmissione in un “patto della lavagna” con tanto di pennarello con cui ha tracciato cifre e misure in ironica contrapposizione con il berlusconiano “contratto con gli italiani” del 2001 da Vespa: «Alle pensioni minime fino a 750 euro viene data una cosiddetta quattordicesima, che è attorno ai 40 euro. Stiamo cercando di tirare su questo limite, il nostro obiettivo sarebbe arrivare il più possibile vicino ai 1.000 euro di pensione: vediamo se ce la facciamo. A questi raddoppiamo la quattordicesima e anziché 40 avranno 80 euro in un’unica soluzione».
Parole che sono giunte alla fine di una giornata segnata dalla maratona dei lavori di limatura del Def al Tesoro e a Palazzo Chigi. «Sarà un documento complesso e molto articolato » con una «impostazione consolidata », ha assicurato ieri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti.
La sfida principale è quella di “tenere” sulla crescita. L’obiettivo del governo è di attestarsi sulla linea dell’1 per cento (meno della stima di sei mesi fa dell’esecutivo che era 1,4 e più di quanto, ad esempio, prevede l’Ocse ferma allo 0,8 per cento). Senza l’intervento di stimolo, pari a circa 7-8 miliardi, il Pil si arresterebbe addirittura allo 0,6-0,7 per cento: con la manovra, secondo il governo, si potrà cifrare l’1 per cento.
L’IPOTESI DEL “FUORI PATTO”
Il deficit salirà: almeno al 2,3-2,4 per cento che Renzi conta di strappare a Bruxelles. La motivazione che ci porta a chiedere ed ottenere il via libera, accantonata la vecchia flessibilità della «Comunicazione Juncker» già utilizzata quest’anno e non replicabile, sono le «circostanze eccezionali », terremoto e migranti. Uno 0,4 in più, che alcuni chiamano un «fuori patto», che in parte potrebbe essere “aggiunto” e “corretto” durante il percorso della legge di bilancio fino a raggiungere il 2,5 per cento. Alle motivazioni che portano a riconsiderare il quadro, in chiave anti-austerità, da considerare anche un peggioramento del deficit dovuto alla scarsa crescita dello 0,1-0,2 per cento.
Sul piano dei numeri complessivi della manovra il percorso resta legato inevitabilmente alla necessità di scongiurare l’aumento dell’Iva di 2 punti già legge per il 2017: il costo è di 15,1 miliardi pari allo 0,9 del Pil. Il vecchio tendenziale era all’1,4 (aumento “Iva inclusa”), a maggio ci è stato parzialmente concesso dalla Ue di arrivare all’1,8 per cento (6,4 miliardi di flessibilità), oggi con il 2,4 avremmo un ulteriore 0,6 (circa 9 miliardi) che ci consente di “riparare” anche i danni sul deficit della scarsa crescita.
LA MANOVRA “A DARE” E I TAGLI.
In tutto, tra scampato aumento delle tasse per 15,1 miliardi e interventi sull’economia, la manovra lorda sarà di 22-24 miliardi. Il governo è infatti impegnato a varare nella prossima legge di bilancio una serie di misure di sostegno ai redditi e di rilancio dell’economia: pensioni, contratti degli statali, povertà, Industria 4.0 (superammortamento, imposta unica per le società di persone, salario di produttività), ecobonus e interventi sui condomini, bonus scuola-bis, investimenti e, naturalmente, terremoto: circa 7-8 miliardi che dovranno trovare adeguate coperture. Si va da sanità, spending review, partecipate, oltre a misure per nuove entrate come la voluntary disclosure-bis.

Roberto Petrini

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa