Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dl Rilancio, la coperta è corta

Senza Mes la coperta per il decreto Rilancio è corta. La maggioranza, giunta alla fase del pre consiglio dei ministri, quella in cui si esamina la corrispondenza fra le norme e le risorse a disposizione, è stata costretta a fare i conti con la realtà. Una riunione durata due giorni, con delle pause dovute anche al fatto che il capo politico pro tempore del M5s, Vito Crimi, avrebbe stracciato l’accordo politico raggiunto l’altra notte sul provvedimento, in particolare sul tema degli stagionali propugnato dal ministro Teresa Bellanova che implica anche una sanatoria penale per i datori di lavoro oltre alla temporanea regolarizzazione dei lavoratori extracomunitari. «La sanatoria sarebbe devastante», ha detto Crimi. «I populisti saltano addosso ai problemi e li cavalcano irresponsabilmente senza offrire soluzioni. I riformisti i problemi li affrontano e provano a metterci mano, con soluzioni realistiche e praticabili. La differenza tra noi e loro sta tutta qui», ha reagito il ministro dell’Agricoltura, Bellanova (Italia Viva). Mentre il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha provato a gettare acqua sul fuoco: «Serve a spuntare le armi al caporalato». Quando ItaliaOggi è andata in stampa, non era ancora noto se si sarebbe giunti in serata al consiglio dei ministri vero e proprio e dunque al varo del decreto legge atteso da tanti come àncora di salvezza per far ripartire l’economia. E proprio dal punto di vista delle coperture finanziarie, i problemi maggiori verrebbero dai soldi per il finanziamento della cassa integrazione prevista nel decreto Cura Italia, di cui le aziende già stanno facendo largo uso, ed anche dalla cancellazione del saldo e acconto dell’Irap per le imprese con ricavi fino a 250 milioni di euro (1,8 milioni di imprese). Due norme fondamentali che fino a ieri sera non erano pienamente coperte. Addirittura sarebbero emersi problemi di copertura per misure come gli incentivi al personale sanitario.

«Tutti i Paesi possono ricevere il 2% del proprio Pil» e «ognuno può calcolare i vantaggi. Per la Spagna, che ha un tasso appena sotto l’1%, il risparmio sarebbe di 200 milioni di euro all’anno, che per l’orizzonte di dieci anni di durata del prestito sarebbero 2 miliardi. Se si fa il calcolo per l’Italia, sarebbero 7 miliardi, perché i tassi d’interesse sono più alti». L’implicito invito ad utilizzare il Mes è del direttore generale del Mes, Klaus Regling. «L’unica condizione» legata alla nuova linea Mes è che «sia spesa nel settore sanitario, per costi diretti e indiretti. Non c’è niente di più, e nemmeno ci sarà dopo».

I casi totali di Covid19 in Italia sono 221.216 (1.402 in più in un giorno); 172 i morti nelle ultime 24 ore (il totale sale a 30.911). Le persone guarite sono 109.039 (2452 in più). Continuano a diminuire i ricoverati in terapia intensiva: sono 952, 47 in meno. Le persone ricoverate con sintomi sono 12.865 (674 in meno). Sono 67.449 in isolamento domiciliare, 501 in meno.

Mascherine a 50 centesimi anche nei 50 mila punti vendita dei tabaccai. Lo ha detto il Commissario per l’emergenza Covid19, Domenico Arcuri. «Il prezzo delle mascherine chirurgiche a 50 centesimi più Iva, ovvero a 61 centesimi, è e resterà quello», ha aggiunto. «La giungla non tornerà». I 55 milioni di mascherine distribuite alle Regioni «sono superiori al fabbisogno», ha sostenuto replicando ai farmacisti.

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha integrato il Comitato di esperti diretto da Vittorio Colao con cinque donne per garantire la parità di genere. Anche il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, dovrà integrare di sei unità il Comitato tecnico-scientifico.

In attesa delle linee guida del governo le Regioni spingono sull’acceleratore per la riapertura dopo la fase di confinamento. Sardegna ed Emilia Romagna sono pronte ad aprire le spiagge per il 18 maggio. Il Veneto, tutto. La Liguria chiede la mobilità interregionale dal 1 giugno e la fine del vincolo delle visite solo ai congiunti.

La cooperante milanese Silvia Romano, rapita in Kenya il 20 novembre 2018 e liberata in Somalia sabato scorso, è bersagliata da insulti e minacce per la sua conversione all’Islam e per i soldi dell’Erario utilizzati per il presunto riscatto. Il responsabile dell’antiterrorismo milanese, Albero Nobili, ha aperto un’indagine. Tra i messaggi più violenti quello del consigliere comunale di Asolo, ex assessore della giunta comunale leghista del comune trevigiano, Nico Basso che ha sollevato una bufera politica e la richiesta di dimissioni.

Condannato per terrorismo internazionale a 8 anni e 8 mesi il 22enne somalo, Mohsin Ibrahim Omar, fermato a Bari nel dicembre 2018. Secondo la Digos aveva avuto contatti con i terroristi di Al-Shabaab. Ibrahim Omar progettava un attentato nella Basilica di San Pietro a Roma.

Un 16enne di nazionalità tunisina, ospite di un centro di accoglienza per richiedenti asilo di La Maddalena, è stato arrestato dai carabinieri. È accusato di aver aggredito alle spalle e violentato una donna di 40 anni stava facendo jogging poco fuori dal centro abitato.

L’ospedale di Kabul è stato preso d’assalto dai terroristi. Lo ha riferito il portavoce del ministero dell’Interno afghano, Tariq Arian, aggiungendo che «sono stati neutralizzati». Il bilancio è di 13 vittime, fra le quali due neonati. Lo Stato islamico ha rivendicato l’azione.

Il magistrato di sorveglianza ha rigettato la richiesta di domiciliari, per motivi di salute, per il fondatore della Nuova Camorra Organizzata, Raffaele Cutolo, che resta in carcere a Parma in regime di 41bis.

La Guardia di finanza di Palermo ha arrestato 91 tra boss, gregari, estortori e prestanomi di due storici clan palermitani pronti a sfruttare l’emergenza sanitaria ed economica per il coronavirus. Il blitz, coordinato dalla Dda di Palermo, ha colpito i clan dell’Acquasanta e Arenella. In manette esponenti di storiche famiglie mafiose palermitane come quelle dei Ferrante e dei Fontana, che coordinavano da Milano le attività. Le accuse sono di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, ricettazione, riciclaggio, traffico di droga, frode sportiva e truffa.

Avrebbe fatto lavorare in condizioni di sfruttamento più di 300 colf e badanti dell’Est Europa. L’imprenditrice, una 46enne di San Lazzaro di Savena (Bologna), amministratrice di quattro coop e società, è stata arrestata per sfruttamento aggravato del lavoro e intermediazione illecita.

La Procura di Milano ha aperto un fascicolo conoscitivo sulla scelta di Regione Lombardia di incaricare con affidamento diretto la multinazionale Diasorin per la sperimentazione dei test sierologici portata avanti in collaborazione col Policlinico San Matteo di Pavia. L’esposto è partito da un’impresa concorrente, la TechnoGenetics.

Dmitry Sergeyevich Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin, è stato ricoverato in ospedale con la moglie. Entrambi contagiati da Covid19.

L’epidemiologo Anthony Fauci consulente della casa Bianca sul coronavirus, ha chiesto al presidente Usa, Donald Trump, di frenare sulla fine del lockdown: «Conseguenze gravi se si saltano i passaggi per una riapertura graduale, si rischia di innescare un’epidemia fuori controllo». Il candidato democratico alla presidenza, Joe Biden, ha invitato gli americani ad ascoltarlo definendo Trump «un incompetente».

La procura militare di Roma ha chiuso le indagini sulla morte dell’ex paracadutista della Folgore, Emanuele Scieri, il 13 agosto 1999, nella caserma Gamerrà di Pisa. L’allievo siciliano è stato picchiato e obbligato a scalare una torre da tre caporali perché sorpreso al cellulare. «Dopo la caduta, non fu soccorso malgrado potesse ancora essere salvato», sostiene la procura.

Il pilota tedesco Sebastian Vettel lascerà la Ferrari alla fine del 2020.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il colosso cinese Huawei non compare nella lista dei fornitori ammessi alla gara indetta da Tim e pa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tutti sulla nuvola a caccia dell’oro del secolo: i dati. Come custodirli, in sicurezza. E scambiar...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio al 30 settembre del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione 2020-2022 e della sa...

Oggi sulla stampa