Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Disoccupazione europea, rischio 10%»

Ripresa senza posti di lavoro. È questo il rischio che corre oggi l’Europa. A suonare il campanello d’allarme è stato ieri il «Financial Times» citando previsioni elaborate dalla Bce. Un europeo su dieci potrebbe restare senza lavoro anche dopo che la politica monetaria espansiva promossa da Mario Draghi avrà dispiegato tutti i suoi effetti. Se si tiene conto che oggi la percentuale di senza lavoro nell’eurozona è dell’11,2%, si tratta di un progresso contenuto. Il paragone con gli Stati Uniti non aiuta: negli Usa il tasso di disoccupazione è oggi al 5,5% (dato di febbraio) ma si prevede un’ulteriore diminuzione sotto il 5% entro l’anno. In Europa invece, secondo la Bce, quando nel 2017 l’immissione di liquidità attraverso il quantitative easing avrà dispiegato i suoi effetti il tasso di disoccupazione sarà ancora inchiodato al 9,9%. 
«Ciò che abbiamo visto in Europa in questi anni è una perdita di competenze della forza lavoro dovuta a un periodo prolungato di alta disoccupazione», osserva Lucrezia Reichlin, economista e docente alla London School of economics. «Credo nella ripresa in Europa — continua Reichlin —. Ma si tratta di una ripresa modesta. E questo significa che non recupereremo molto di ciò che abbiamo perso in termini di prodotto e occupazione». Come dire: la capacità produttiva distrutta dalla Grande Crisi è difficile da ricostruire. Una visione del futuro che getta un’ombra su una buona notizia giunta ieri dal ministero del Lavoro: a gennaio e febbraio sono calate le ore di cassa integrazione straordinaria. Ma la strada della ripresa dell’occupazione è ancora lunga.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il terzo polo? Non è un'ossessione. Banco Bpm in saluto. Balliamo anche da soli. Leggi l'artico...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Lo studio della School of Management del Politecnico. Il virus ha certamente favorito l'uso del den...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prende corpo il progetto di allargare l’Ape sociale e renderla strutturale, come forma per antici...

Oggi sulla stampa