Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

“Dipendenti anziani costretti a restare, giovani esclusi, costi alti sulle imprese”

Le imprese? Così come la popolazione italiana, diventeranno sempre più “vecchie”. E i giovani, così come le nuove competenze, faranno sempre più fatica a farsi strada. Nei prossimi anni, i numeri della forza impiegata sono destinati a salire, in media, in tutte le aziende. Così come i costi delle società, visto che ad aumentare saranno i lavoratori nelle fasce di età più avanzate, quelli con gli stipendi più elevati. È quanto emerge da uno studio della società di consulenza Accenture, che è stato illustrato ieri a Milano durante un incontro a porte chiuse cui hanno partecipato responsabili delle risorse umane delle principali società italiane.
È il combinato disposto di due fenomeni: quello del tendenziale aumento delle aspettative di vita e dell’ultima riforma del sistema pensionistico che porta la firma del ministro del Walfare Elsa Fornero che costringerà gli over 50 a lavorare ben oltre i 65 anni. Il risultato, ancora sottotraccia e i cui effetti economici cominciano sono solo ora a essere esaminati, determinerà cambiamenti senza precedenti nelle dinamiche aziendali. E rischia di pesare non poco sui bilanci societari.
Gli esperti di Accenture lo hanno spiegato anche con i numeri. Secondo una loro proiezione tenendo conto che nel nostro paese la popolazione con più di 60 anni è al momento pari al 26 per cento della popolazione e sarà del 41 per cento entro il 2050, questo significa che nei prossimi anni le aziende vedranno aumentare il numero del personale a disposizione mano a mano che andrà a regime
la riforma della previdenza. In media, il numero di lavoratori crescerà nelle aziende dell’1,3 per cento del totale della forza lavoro entro il 2014, del 7,2 per cento entro il 2020 e del 17,6% entro il 2030. Come si legge nel documento di Accenture tutto ciò comporta «un ostacolo all’ingresso di azienda nelle nuove competenze richieste
per affrontare le nuove sfide di mercato e per svolgere i mestieri che verranno richiesti in futuro » nonché «limitazioni all’ingresso di nuovi lavoratori dovuto alla permanenza dei lavoratori senior e dell’aumentato costo dei personale». Questo sul fronte del mercato del lavoro. Per le aziende, invece, determina «un impatto
sugli obiettivo di risparmio legati al costo del personale» ma soprattutto la necessità di aumentare «livelli di motivazione e produttività dei dipendenti over 50». Perché, come emerge da un sondaggio elaborato sempre da Accenture su un campione di 500 interviste a lavoratori dai 50 anni in su che ricoprono posizioni di responsabili in società con più di 250 dipendenti, le aziende ora dispongono di un capitale umano che non possono permettersi di sprecare. «Vanno sfatati alcuni luoghi comuni: non è vero che gli over 50 si considerino a fine carriera e con meno entusiasmi dei giovani – spiega Stefano Trombetta, responsabile Talent & Organization di Accenture -. Anzi, si sentono al centro dell’attività e vorrebbero far contare di più la loro esperienza e competenze. Per le aziende diventa fondamentale rivedere le politiche di formazione, di nuove carriere con la possibilità di crescere non solo in verticale ma anche orizzontale. La mobilità sarà fondamentale anche all’interno dell’azienda».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Parla il managing partner dello Studio Chiomenti: "Il numero di operazioni è in forte aumento già...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rischio paralisi. Perché quel che accade a Berlino si riflette direttamente a Bruxelles. Il probab...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I sindacati ripartono dalla lettera del primo settembre. Quella inviata al premier Draghi in cui i ...

Oggi sulla stampa