Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Deutsche Börse, accusato di insider trading si dimette il numero uno

Dopo mesi di travaglio, alla fine ieri il numero uno della Borsa tedesca, Carsten Kengeter si è dimesso: lascerà il suo incarico a fine dicembre. Dietro l’uscita, i sospetti di insider trading. Kengeter comprò 60 mila azioni di Deutsche Börse valutate 4,5 milioni di euro nel dicembre 2015. Dopo poche settimane da questa transazione venne resa nota l’intenzione da parte di della Borsa tedesca e del London stock exchange di valutare una fusione. Kengeter ha sempre rivendicato la correttezza del suo comportamento. Ma i titolari dell’indagine lo accusano di avere iniziato a discutere della fusione con i vertici dell’Lse ben prima dell’acquisto delle azioni, per la precisione nell’estate del 2015.

I problemi per Kengeter sono cominciati quando a febbraio di quest’anno è stata resa nota l’esistenza dell’indagine del tribunale di Francoforte sul suo conto per insider trading. Il penultimo atto della vicenda si è svolto lunedì scorso, quando il tribunale ha respinto un accordo che prevedeva il pagamento da parte di Kengeter di 500.000 euro.

La fusione tra la Borsa tedesca e quella di Londra si era complicata già a settembre 2016 quando la Commissione europea aveva annunciato di aver aperto un’indagine sul progetto di accordo tra le due società per il rischio di una riduzione della concorrenza. «Dobbiamo vigilare perché gli operatori continuino ad avere accesso alle infrastrutture dei mercati finanziari in condizioni di concorrenza», aveva dichiarato la commissaria Ue Margrethe Vestager.

La Commissione europea ha poi ufficializzato a fine marzo il suo veto al progetto di fusione. Mettendo così la parola fine al piano che avrebbe tenuto a battesimo la prima Borsa europea. La decisione di Bruxelles era risultata probabile alla fine di febbraio quando Lse aveva annunciato di non voler soddisfare la richiesta dell’Antitrust Ue di cedere il 60% di Mts, la piattaforma su cui vengono scambiati principalmente i titoli di Stato italiani che, se aggregata a Francoforte, avrebbe ridotto la concorrenza.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa