Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Deutsche Bank, profitti doppi

Deutsche Bank ha chiuso il terzo trimestre con l’utile raddoppiato a 647 milioni di euro, grazie soprattutto ai minori costi. Gli analisti si aspettavano 253 mln. Le spese non legate a interessi sono calate del 14% a 5,66 miliardi, mentre i ricavi sono scesi del 9,6% a 6,78 miliardi, frenati dalla diminuzione del 30% di quelli delle vendite e del trading, che totalizzato 1,51 miliardi di euro. La flessione era attesa dal mercato. «Nonostante il contesto di mercato rimanga sfidante per i ricavi, abbiamo fatto significativi progressi sul fronte del merger tra Deutsche Bank e Postbank in Germania e su quello della preparazione dell’Ipo del nostro business di asset management», ha detto l’a.d. John Cryan.

I ricavi della divisione investment banking sono scesi del 23% a 3,5 miliardi, con il trading del reddito fisso a -36%. La divisione di banca commerciale e privata è invece migliorata del 2% a 2,6 miliardi. L’obiettivo della banca è rilanciare gli utili della divisione advisory per i deal, servizi di cash management per i clienti corporate e trading con gli hedge fund.

L’istituto tedesco ha precisato l’unione con Postbank darà vita a una nuova banca commerciale e privata con 20 milioni di clienti domestici. Le due banche manterranno i propri marchi, dando vita a un’unica entità legale alla fine del secondo trimestre 2018. Le sinergie attese dall’operazione sono di 900 milioni di euro a partire dal 2022, con investimenti per 1,9 miliardi. È prevista la riduzione del cost-income ratio sotto il 65% entro il 2022.

«Stiamo creando una banca, ma mantenendo i due marchi, per venire incontro alla differenti esigenze dei nostri clienti», ha spiegato Christian Sewing, co-presidente del private e commercial bank alla Deutsche Bank. «In termini di innovazione, investimenti e servizi, il combinato delle attività di Postbank e Deutsche Bank avrà il massimo della robustezza, con una crescita e profittabilità sostenibili». Gli ha fatto eco Frank Strauss, a.d. di Postbank: «Possiamo espandere e guidare la nostra trasformazione digitale molto più velocemente».

Alla borsa di Francoforte Deutsche Bank è stato uno dei peggiori titoli dlell’indice Dax 30, chiudendo in calo dello 0,93% a 14,40 euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Contro le previsioni, anche il fondo Bluebell avrebbe raggiunto la soglia minima del capitale Mediob...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppio cda, per rispondere al governo. Oggi si riunirà prima Aspi, poi Atlantia. Non è detto che l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

llimity Bank ha finalizzato due nuove operazioni nel segmento 'senior financing' per un ammontare co...

Oggi sulla stampa