Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Derivati, chiesta archiviazione per Tarantola

Sviluppi nell’inchiesta sui derivati. La procura di Trani ha infatti chiesto l’archiviazione delle indagini per l’ex vicedirettore generale di Bankitalia, Anna Maria Tarantola, ora presidente della Rai, e per sette ispettori di Palazzo Koch, tutti indagati per omesso controllo. Sotto inchiesta da oltre un anno, gli ispettori e la Tarantola venivano accusati di omesso controllo per non aver valutato, correttamente, la genuinità dei derivati che alcuni istituti di credito hanno immesso sul mercato negli anni scorsi. Al contrario dalle indagini condotte dal magistrato inquirente, Antonio Savasta, è emerso che proprio l’ufficio ispettivo di Bankitalia, guidato da Tarantola, aveva inviato atti, tra il 2008 e il 2009, alla procura di Roma, alla Consob e all’audit interno dei gruppi bancari segnalando anomalie nei derivati. Di qui tutti gli elementi a discarico posti dal Pm a fondamento della sua richiesta di archiviazione che sta per essere inoltrata, ufficialmente, al gip del Tribunale. In realtà già a febbraio scorso, nella fase più calda delle indagini su Mps, era emerso che dall’inchiesta tranese sui derivati avviata sullo stesso istituto, insieme a Bnl, Unicredit, Intesa San Paolo e Credem, ed emessi a carico di clientela retail e corporate del nord barese, stava per uscire di scena la Tarantola. Già 4 mesi fa cioè la sua posizione veniva definita marginale e, appunto, da archiviare.
Richiesta di archiviazione in vista anche per altri dirigenti di banche coinvolte nei derivati. Dalla indagine per truffa avviata sempre da Savasta stanno infatti per uscire Banca Intesa, San Paolo di Torino e Banco di Napoli (gruppo Intesa San Paolo)che hanno risarcito i sottoscrittori di derivati. Non appena saranno ritirate le querele che hanno indotto la procura di Trani ad aprire l’inchiesta sui derivati, la stessa chiederà l’archiviazione della posizione dei bancari indagati, dipendenti di agenzie del nord barese che rientrano nel territorio di competenza del circondario tranese.Le indagini sui derivati del pm, Antonio Savasta, proseguono invece su banca Mps, che – secondo alcune indiscrezioni – non ha finora avanzato ipotesi risarcitorie.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nonostante la pandemia tante aziende hanno deciso o subìto il lancio di un’Opa che le porterà a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Peugeot-Citroën ha annunciato di aver parzialmente rimarginato le ferite della prima parte dell’a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Meno macchine, meno motori termici, e un ritorno al futuro nei modelli. Ecco la ricetta del nuovo am...

Oggi sulla stampa