Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Depositi e bail-in, Europa in ritardo

E mentre quattro stati mancano ancora all’appello di coloro in linea con le nuove regole sulla risoluzione delle crisi degli enti del credito, i paesi membri che non risultano conformi con le misure di tutela dei depositi sono ad oggi sei. Tra questi, l’Italia. Si allungano così i tempi di realizzazione dell’unione bancaria. La Commissione aveva previsto come ultima scadenza per il recepimento della direttiva sul sistema di garanzia dei depositi (Dgsd) il 23 novembre 2015. Ad oggi la comunicazione di avvenuta trasposizione delle norme della Dgsd manca però da parte di Belgio, Grecia, Polonia, Slovenia e Svezia; si aggiunge ad esse l’Italia che, dopo l’approvazione in via definitiva in Cdm del decreto che recepisce le misure europee sui depositi, ne attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Parlando di Bank recovery and resolution directive (la direttiva che ha introdotto il bail-in nel risanamento degli enti finanziari d’Europa), l’originario termine di recepimento era fissato al 31 dicembre 2014, con entrata in vigore per tutti gli stati membri al 1 gennaio 2016 (dando così un anno di incubazione in cui poter preparare il sistema finanziario e i bilanci bancari ai nuovi dettami). Ad oggi la Commissione non ha ancora ricevuto comunicazione di recepimento della Brrd da parte di quattro stati membri: Belgio, Cipro, Polonia e Slovenia. Il Lussemburgo, dal canto suo, ha notificato la trasposizione delle norme, attualmente in fase di valutazione. Se questa risultasse completa, la Commissione potrà decidere di ritirare la citazione per infrazione davanti alla Corte.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa