Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Depop, l’unicorno milanese passa a Etsy per 1,6 miliardi

Qualche volta le favole si avverano. Dopo Yoox, l’Italia ha il secondo unicorno della sua storia. Depop, l’app per vendere e comprare abiti e articoli fashion fondata nel polo di innovazione H-Farm nel 2011 dal milanese Simon Beckerman, è stata acquisita dal marketplace americano Etsy per 1,625 miliardi di dollari. Depop entra così nel club degli “unicorni”, le aziende con una valutazione superiore al miliardo. Nel dettaglio la startup di origine italiana (ma con base a Londra) ha ricevuto una valutazione superiore a quella che Facebook nel 2012 diede a Instagram, pari a circa 1 miliardo di euro. «È una bella storia di innovazione e umana — dice Riccardo Donadon, presidente e fondatore di H-Farm —. Simon venne da noi, quasi per caso, su consiglio della madre. Si è dimostrato da subito una persona umile e piena di idee. Ricordo che ragionavano sul creare un Instagram con il tasto ‘compra’». Un’idea semplice ma vincente tanto da aver stregato il gigante Etsy. «L’operazione dovrebbe chiudersi a luglio e il management di Depop continuerà il suo lavoro nei prossimi mesi. Parliamo di due realtà che insieme possono fare molto per il settore fashion. Per noi l’ambizione è replicare questo successo con qualcuno dei nostri studenti», conclude. Che la piattaforma per la vendita di borse, scarpe e vestiti di seconda mano fosse promettente, del resto, era evidente anche guardando ai numeri. Nel 2020 Depop – in origine Garage in onore dei mercatini di quartiere – ha registrato ricavi per 70 milioni di dollari, in aumento di oltre il 100%. Con 30 milioni di utenti in più di 150 paesi, l’app è poi il regno della Generazione Z: il 90% della community ha meno di 26 anni. Tra loro stilisti, designer, creativi, amanti del vintage o collezionisti di sneakers. Ma anche influencer come Chiara Ferragni o modelle come Bianca Balti. L’anno scorso via Depop sono stati venduti un miliardo di articoli. Negli anni la piattaforma ha stretto partnership con Adidas, Benetton e Ralph Lauren. Segno che anche i big della moda hanno capito dove soffia il vento. Solo un dato: per il Circular Fashion Report 2020 il mercato della moda circolare ha un valore potenziale di 5 mila miliardi.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ita, la nuova compagnia aerea a controllo pubblico, si chiamerà Alitalia, come la vecchia. Lo stor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Strada spianata per la fusione Sia-Nexi, che ora avverrà «nei più brevi tempi possibili», scriv...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra anche il reddito di cittadinanza nel decreto fiscale collegato alla manovra all’esame oggi ...

Oggi sulla stampa