Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Del Vecchio: a Trieste contano i manager

di Sergio Bocconi

MILANO — Non c’è tregua a Trieste. Ieri Leonardo Del Vecchio, che la settimana scorsa si è dimesso dal consiglio delle Generali, ha precisato che «causa» del suo passo non è stato il presidente del Leone, Cesare Geronzi: «No, non c’entra niente anche perché non è che conti molto ormai. È senza potere, non ha alcun potere» . Si è poi rivolto al management: «È ormai diventato il capo azienda. Sono loro l'azienda. Non possono scaricare la colpa sugli altri. Hanno il potere e la possibilità di fare ciò che decidono di fare» . L’imprenditore di Luxottica, socio a Trieste con l’ 1,9%, sembra in questo caso voler destinare le sue parole in particolare al group ceo Giovanni Perissinotto. A chi gli domanda però se ci siano state operazioni che lo hanno trovato in disaccordo risponde così: «Non posso scendere nei particolari. La motivazione è semplice, io modestamente riconoscendo i miei limiti ho detto che è inutile stare qua» . Quindi fa riferimento alla sua lettera di dimissioni: «Ho scritto che non mi ritenevo in grado di incidere sulle decisioni strategiche e aziendali. Perciò la cosa più naturale da fare, anche se non è di moda, è dare le dimissioni» . Del Vecchio non vuole dunque dire nulla a proposito delle ipotesi circolate nei giorni scorsi, che indicavano fra le motivazioni della sua decisione rilievi su un paio di operazioni, come l’acquisto dell’ 1%della banca russa Vtb e la Torre Generali alle Défense parigina, non apprese da lui (grande immobiliarista in Francia attraverso il gruppo Beni Stabili) in consiglio o esecutivo, ai quali ha partecipato fino alle sue dimissioni. Ipotesi che non vengono smentite dal suo staff così come, sempre a proposito delle sue dimissioni, non era stata smentita una relazione causale fra le parole pronunciate da Del Vecchio all’insediamento di Geronzi («non sarà operativo» ) e le dichiarazioni rilasciate dal presidente del Leone al Financial Times su banche e Ponte sullo Stretto. L’imprenditore di Luxottica non intende per il momento vendere la sua quota a Trieste. «Aspetto, sperando che salga un po’. Voi mi direte che uno muore sperando… pazienza, saranno i miei eredi» . E chi gli ha fatto un po’ i conti in tasca calcolando minusvalenze per 300-350 milioni, risponde che «basta vedere a quanto stava il titolo tre anni fa e quanto sta adesso, ci vuole poco a fare i calcoli» : nel febbraio 2008 l’azione valeva intorno a 28 euro, ieri ha chiuso a 16,39 in rialzo dello 0,61%. Infine arriva la domanda su Diego Della Valle: le è simpatico? «Come potrei rispondere di no? A me sono simpatici tutti, per i rapporti che ho sempre avuto io Della Valle è molto simpatico» . Le dichiarazioni di Del Vecchio all’uscita dal board della «sua» Luxottica arrivano dopo quelle di Geronzi al Forex («C’è armonia tra i soci; governo societario ancora da completare» ) e la replica di Della Valle («Clima disteso? non è vero; il presidente non rispetta la governance» ). L’imprenditore si è dimesso prima del board del 23 febbraio che ha affidato tutte le partecipazioni a Perissinotto e nel corso del quale i consiglieri indipendenti hanno consegnato un documento su creazione di valore e comunicazione. Difficile immaginare che la story finisca qui. Non c’è proprio pace a Trieste.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

C’è un discreto numero di avvocati già in pole position per il titolo di “specialista” da in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sotto l’insegna UniQLegal, gli studi Nctm e La Scala avviano la società tra avvocati per azioni....

Oggi sulla stampa