Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Debutta il marchio UnipolSai Il quartier generale? A Bologna

È ufficiale: si chiamerà UnipolSai il nuovo polo assicurativo che nascerà dalla maxifusione fra il gruppo delle coop e quello ex Ligresti. La denominazione è indicata all’articolo 1 del nuovo statuto di Fonsai, cioè della società incorporante, allegato al «progetto di integrazione Unipol-Fondiaria Sai» che avrà luogo attraverso la fusione in Fonsai di Premafin, Unipol assicurazioni ed «eventualmente Milano» depositato ieri e approvato dai consigli il 20 dicembre 2012.
A questo punto il progetto va approvato entro fine aprile dall’Ivass, la nuova authority sulle assicurazioni guidata dal direttore generale di Bankitalia Fabrizio Saccomanni e che ha assorbito le funzioni dell’Isvap, che aveva già dato l’ok all’operazione.
La fusione, che decorre sotto il profilo contabile e fiscale da gennaio 2013 e dev’essere approvata dalle assemblee che si terranno in aprile e maggio, come si legge dal progetto include «eventualmente» anche la Milano. Ciò perché non è dato per scontato l’esito dell’assemblea speciale degli azionisti di risparmio della compagnia controllata da Fonsai. In caso di non approvazione si procederà comunque all’integrazione di Fonsai, Premafin e Unipol e cambieranno le percentuali di controllo previste: la quota detenuta da Unipol gruppo finanziario passerà dal 63 al 71%, gli altri azionisti di Premafin (fra i quali i Ligresti che fino al dissesto del loro gruppo, salvato dalla fusione con Unipol, detenevano la maggioranza assoluta del capitale della holding) resteranno allo 0,8% mentre quelli di Fonsai «cresceranno» dal 25 al 28%.
Per quanto riguarda l’organizzazione territoriale del nuovo gruppo assicurativo, mentre si precisa che UnipolSai avrà, «coerentemente con l’appartenenza al gruppo Unipol, sede legale a Bologna», secondo quanto riferito nei giorni scorsi dai sindacati, Bologna e Milano saranno le sedi direzionali, mentre Torino (ex sede legale di Fondaria Sai) e Firenze diventeranno poli specialistici, per specifiche attività ancora da definire. I marchi storici è previsto restino, ovviamente sotto il cappello comune di UnipolSai. Nei giorni scorsi, sempre secondo fonti sindacali, sono stati indicati anche 2.200 circa esuberi (su 8 mila dipendenti del nuovo polo), dimezzabili però attraverso la cessione degli asset previsti secondo gli impegni con l’Antitrust, pari a premi per 1,7 miliardi. Ieri l’amministratore delegato di Unipol, Carlo Cimbri, ha detto al Corriere di Bologna che esuberi sono da mettere in conto con la nascita di Unipol-Sai «perché quando viene costruito un grande gruppo ci sono duplicazioni che necessitano di una riorganizzazione». Ma Cimbri è convinto che verrà fatto «un accordo con le organizzazioni sindacali»: «Sono convinto che la concertazione sia necessaria in tempi normali e che in tempi di crisi diventi assolutamente indispensabile».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa