Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Debito, il richiamo dell’Europa Scontro tra Roma e Vienna

Il presidente portoghese dell’Eurogruppo Mario Centeno ha richiamato il governo M5S-Lega a rispettare «gli impegni presi l’anno scorso», sui conti pubblici, con «i risultati». Nella riunione a Bruxelles dei 19 ministri finanziari della zona euro si sono espressi sulla stessa linea istituzionale anche il tedesco Olaf Scholz e il francese Bruno Le Maire. Ma la campagna elettorale per il voto europeo della settimana prossima ha prodotto anche accuse di Paesi nordici in reazione al vicepremier leghista Matteo Salvini, che ha ipotizzato di alzare il debito al 140% del Pil e di cambiare le regole Ue.

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha replicato duramente soprattutto al collega austriaco Hartwig Löger, garantendo il rispetto degli impegni di riduzione del debito e aprendo a un aumento delle «tasse indirette» (come l’Iva), se servisse per rispettare gli obiettivi e per abbassare la pressione fiscale sui redditi. Da Israele il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco ha evidenziato la «correlazione» tra il raddoppio dello spread sui titoli di Stato italiani e il primo anno del governo M5S-Lega, pur anticipando «la speranza», per «dopo le elezioni europee», di un ritorno alla normalità.

«Io penso che le persone prima di parlare debbano pensare, è un consiglio anche per chi ha fatto quelle dichiarazioni», ha risposto Tria a Löeger, che aveva ventilato un’Austria indisponibile «a pagare i debiti dell’Italia», provocati dal «consapevole avanzare della spirale del debito» a rischio di provocare «una nuova Grecia». Tria ha aggiunto che «l’Italia non chiede che qualcuno paghi per il suo debito, ma ha abbondantemente pagato per il debito altrui aiutando altri Paesi europei, non credo che l’Austria abbia pagato quanto l’Italia, che è il terzo contributore». Löeger è intervenuto di nuovo esortando il collega italiano di girare a Salvini «il suggerimento di pensare prima di parlare».

Il commissario Ue francese Pierre Moscovici ha considerato eccessivo già l’attuale debito intorno al «130% del Pil». Tria ha però escluso l’aumento al 140%. «C’è un Def approvato da governo e Parlamento — ha detto —. Il Parlamento ha fatto anche una risoluzione dove chiede di non aumentare l’Iva, ma tutto nel rispetto degli obiettivi di finanza pubblica del Def». Ha poi invitato a «distinguere» due problemi: «Uno è la pressione fiscale, che bisogna cercare di ridurre, problema diverso è la composizione della pressione fiscale, e la mia posizione scientifica è che è meglio abbiano più’ peso le imposte indirette rispetto alle dirette». Sullo spread ha rassicurato che «in campagna elettorale i mercati finanziari sono in fibrillazione» e che sui titoli di Stato italiani «molte persone hanno fatto un sacco di soldi e, quando partono delle vendite, è per incamerare i profitti: un problema per l’Italia, che paga alti tassi di interessi».

Centeno ha poi annunciato per la prima volta l’attenzione dell’Eurogruppo alla «riduzione dei rischi nel settore bancario» anche per le maxi esposizioni su derivati speculativi di grandi banche tedesche (principalmente attivi illiquidi di livello 2 e 3).

Ivo Caizzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La partita per salvare Alitalia va al settimo tempo supplementare. Il dossier, a dire il vero, sembr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il contribuente costituito in giudizio deve rispettare gli ordinari termini di impugnazione anche se...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’autoriciclaggio scatta anche se il reato presupposto è prescritto. O provato solo in base alla ...

Oggi sulla stampa