Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Debiti p.a., corsa ai fondi Cdp

Gli enti locali hanno ancora pochi giorni a disposizione per presentare alla Cassa depositi e prestiti la richiesta di anticipazione a valere sul «Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili». L’anticipazione ha l’obiettivo di far fronte ad ulteriori pagamenti da parte delle regioni e degli enti locali di debiti certi, liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2012, ovvero dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il predetto termine.

La dotazione finanziaria di questa terza tranche ammonta a circa 1,8 miliardi di euro, assegnata agli enti locali in sede di ripartizione delle risorse stanziate per il 2014 dal decreto legge n. 102/2013. Queste risorse si aggiungono alla somma di 3,2 miliardi di euro già erogata in precedenza. Gli enti locali devono presentare apposita richiesta alla Cassa depositi e prestiti entro il 3 giugno 2014. La Cdp informa inoltre che, all’indirizzo internet debitipa.mef.gov.it è possibile trovare tutte le informazioni sull’operazione di smaltimento dei debiti arretrati, aggiornate al 28 marzo 2014.

Presentazione della domanda di anticipazione

La domanda di anticipazione deve pervenire alla Cdp completa in ogni elemento e redatta, a pena di irricevibilità, secondo lo schema allegato all’addendum e disponibile sul sito internet www.cassaddpp.it., La richiesta deve avere firma congiunta del legale rappresentante dell’ente e del responsabile del servizio finanziario. La richiesta deve pervenire entro il 3 giugno 2014.

La domanda dovrà essere inviata a Cdp spa esclusivamente mediante Posta elettronica certificata o fax. L’invio, preferenziale, a mezzo Pec deve essere effettuato all’indirizzo cdpspa@pec.cassaddpp.it e in tal caso il documento deve essere in formato pdf o pdf/a e firmato con firma digitale. In alternativa, a mezzo fax al numero 064221.4026 con successivo invio dell’originale cartaceo, in tal caso sul documento originale deve essere riportata la dicitura «Anticipato via fax», oppure tramite consegna a mano – presso la sede di Roma di Cdp spa, ingresso via Castelfidardo 1 – dal lunedì al giovedì dalle ore 8,00 alle ore 15,30 e il venerdì dalle ore 8,00 alle ore 13,30.

Concessione entro il 18 giugno 2014

L’anticipazione viene concessa entro il 18 giugno 2014, in caso di esito positivo della verifica della completezza formale della domanda. Gli importi concessi verranno determinati sulla base delle domande pervenute mediante ripartizione proporzionale delle somme disponibili per l’anno 2014. Con la stessa comunicazione verrà inviato lo schema contrattuale precompilato da Cdp spa con gli elementi in proprio possesso.

Tasso del 2,274%

Il tasso di interesse, indipendentemente dalla durata dell’anticipazione, è pari al 2,274%, determinato sulla base del rendimento di mercato dei Btp a 5 anni in corso di emissione e pubblicato sul sito internet del Mef. Il Contratto, debitamente completato, potrà essere perfezionato mediante scambio di corrispondenza a mezzo fax al numero 064221.4026. Successivamente alla ricezione da parte dell’ente del contratto firmato da Cdp per accettazione sarà necessario che l’ente stesso, a pena di risoluzione, inoltri per raccomandata l’originale del contratto in duplice esemplare.

La restituzione dell’anticipazione avverrà in rate annuali costanti con scadenza della prima rata il 31 maggio 2015 e con durata fino a un massimo di 30 anni.

Estinzione del debito entro 45 giorni

L’erogazione dell’anticipazione avviene in un’unica soluzione, di norma, il settimo giorno lavorativo dalla data di perfezionamento del Contratto di anticipazione e verrà effettuata sul conto corrente di Tesoreria unica intestato all’ente. All’atto dell’erogazione, gli enti interessati provvederanno all’immediata estinzione dei debiti e forniranno, entro 45 giorni, apposita certificazione alla Cdp spa, rilasciata dal responsabile finanziario dell’ente.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa