Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I dazi Usa affondano le borse

Chiusura negativa per le borse europee, che sono riuscite a limitare i danni risalendo dai minimi di giornata. Pesano i timori di una guerra commerciale globale che potrebbe scatenarsi dopo i dazi americani. Intanto l’Ifo, indice di fiducia delle imprese tedesche, si è attestato in marzo a 114,7 punti rispetto ai 114,8 attesi dal consenso: è una conseguenza dei timori che regnano nel mondo imprenditoriale per le conseguenze delle misure volute dal presidente Usa, Donald Trump. Inoltre l’indice Pmi composito dell’Eurozona preliminare di marzo si è attestato a 55,3 punti, al di sotto dei 57,1 di febbraio e del consenso: la lettura è ai minimi da 14 mesi.A Milano il Ftse Mib ha ceduto l’1,82% a 22.404 punti. Giù anche Francoforte (-1,70%), Parigi (-1,38%) e Londra (-1,23%). In rosso Wall Street, dove il Dow Jones e il Nasdaq perdevano più di un punto percentuale: forti vendite su Facebook (-2,50%) e Twitter (-4%). Lo spread Btp-Bund è salito di 2,5 punti a 135,500.

A Piazza Affari giornata negativa per le banche: Mediobanca -0,95%, Unicredit -1,50%, Intesa Sanpaolo -1,78%, Bper -1,94%, Banco Bpm -1,95%, Ubi B. -2,49%. Pesante Banca Mps (-5,24% a 2,64 euro): l’istituto, replicando a indiscrezioni, ha reso noto che non sono allo studio operazioni di aumento di capitale e che l’attuazione del piano di ristrutturazione procede secondo i tempi previsti. Lettera anche su Creval (-6,69%) e Carige (-2,41%).

Terna ha lasciato sul terreno il 3,71%: un gestore ha spiegato che i numeri del piano industriale sono leggermente più bassi sul fronte dei ricavi, ma migliori del previsto per il dividendo. Sopra la parità Campari (+0,49%) e YNap (+0,05%).

Nel resto del listino in luce B.P.Sondrio (+3,21%), grazie alla decisione della Corte costituzionale che ha bocciato i ricorsi contro la legge che impone la trasformazione in spa: si è riacceso l’appeal speculativo sul titolo. Ben comprate anche Fincantieri (+4,94%), grazie all’upgrade di Banca Akros a buy, e Orsero (+2,36% a 9,10 euro): su quest’ultima Equita sim ha avviato la copertura con rating hold e target price di 11,5 euro.

Nei cambi, chiusura in rialzo per l’euro a 1,2307 dollari. La moneta unica si è invece indebolita rispetto allo yen a 129,65.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere in ribasso di circa 50 centesimi, con il Brent sul filo di 69 dollari e il Wti a 64,48. Acquisti sull’oro, che guadagnava 3 dollari a 1.327.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa