Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dalle Pmi i saldi più puntuali

di Marika Gervasio

Milano – Spiragli di luce nei ritardi sui pagamenti verso i fornitori. La percentuale di aziende puntuali nel saldare le fatture peggiora nel 2010 e si assesta al livello più basso dal 2007. Tuttavia, il primo trimestre di quest'anno mostra qualche segnale di miglioramento, che dovrà però trovare conferma nei risultati dei prossimi mesi. È quanto emerge dallo Studio 2010 sui tempi di pagamento delle imprese italiane, presentato da Cribis D&B, la società del Gruppo Crif specializzata nelle business information, che evidenzia come le piccole e piccolissime realtà siano più virtuose delle grandi.

A fine 2010 solo il 37,5% delle imprese italiane paga puntualmente. La quota risulta in calo di 13,3 punti percentuali rispetto al 2007, 12,1 rispetto al 2008 e 6,2 punti rispetto al 2009. La flessione è stata in parte assorbita dall'incremento della classe di ritardo più moderata "fino a 30 giorni" passata dal 40,7% del primo trimestre al 57% nei mesi finali dell'anno. Il 4,9% delle imprese ha poi saldato le fatture ai propri fornitori tra i 30 e i 90 giorni di ritardo. Per i ritardi gravi (oltre 90 giorni medi) si osserva invece un trend positivo: per tutto il 2010 si è continuata a registrare una riduzione delle imprese appartenenti a questa categoria (0,6% del totale nell'ultimo trimestre). Positivo, invece, l'andamento del primo trimestre 2011 che mostra una prevalenza di imprese che pagano con un ritardo moderato e inferiore ai 30 giorni medi (53,1%) e una percentuale in ripresa (41,9% contro il precedente 37,5%) di imprese che saldano regolarmente. Chi paga con un ritardo medio compreso fra i 30 e i 90 giorni oltre il termine su rappresenta una quota del 4,4%, mentre le imprese che fanno registrare un ritardo più grave (oltre 90 giorni medi) restano sostanzialmente stabili, intorno allo 0,6% del totale.

Sono le micro imprese, che rappresentano una componente rilevante del italiano tessuto economico nazionale, a mostrare una percentuale superiore alla media di transazioni commerciali saldate entro i termini pattuiti: il 47% contro il 35% delle piccole, il 22% delle medie e il 12% delle grandi realtà. Mentre registra ritardi fino a 30 giorni, il 48% delle piccolissime imprese, il 61% delle piccole, il 74% delle medie e l'82% delle grandi.

Tra i settori, nel 2010 rispetto al 2007, si osserva un peggioramento di edilizia, industria estrattiva, trasporti e commercio all'ingrosso. Tiene, invece, il comparto dei servizi finanziari per cui si osserva un miglioramento della performance di pagamento, mentre il comparto più puntuale è quello dell'agricoltura (43,4%) che risulta il più puntuale anche nel primo trimestre del 2011 (quasi il 49%), seguito da servizi finanziari, industria estrattiva e edilizia. Tra le aree geografiche le aziende del Nord Est sono le più puntuali (48%) seguite da Nord Ovest (43,6%), Centro (40,8%), Sud e isole ( 34%).

«I risultati negativi del 2010 seguiti dal miglioramento fatto registrare dai primi tre mesi di quest'anno che lascia ben sperare per il 2011 – commenta Marco Preti, amministratore delegato Cribis D&B – confermano l'impressione che quello che esce dalla crisi sia un nuovo contesto economico, caratterizzato da una maggiore fluidità, intesa come maggiore dinamicità e velocità nei cambiamenti, sia a livello di controparti (clienti e fornitori), sia a livello di andamento di mercato».

E aggiunge: «In questo scenario è essenziale che le imprese adottino un'efficace politica di risk management che, attraverso strumenti adeguati, consenta di individuare i segnali che vengono dal mercato e dalla propria clientela. Soprattutto è fondamentale riuscire ad intercettare quei cambiamenti di comportamento che possono consentire di intercettare per tempo i mutamenti nel proprio contesto competitivo. I comportamenti di pagamento sono proprio uno dei più importanti segnali dello stato di salute e dell'affidabilità delle proprie controparti. Unite alle informazioni commerciali tradizionali e ai dati interni, consentono di mantenere sotto controllo la capacità del proprio portafoglio clienti di generare ricavi, di intervenire tempestivamente con azioni di prevenzione e limitazione del rischio e, soprattutto, di fare previsioni dei propri flussi di cassa».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa