Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dalla fine dei patti al ruolo determinante del consenso dei gestori

E anche se è stato determinante l’apporto della Findim di Fossati, il risultato testimonia il grande peso in particolare i grandi gestori internazionali, che hanno nei loro capienti portafogli il 51,52% del capitale del gruppo di telecomunicazioni, contro il 3,2% di quelli italiani. L’azionista di maggioranza, Telco con il 22,39%, è di fatto, alla prova del voto, «solo» un azionista in una società che assomiglia così più a una public company che a una tradizionale azienda a controllo stabile e definito. Tanto più che, quando nei prossimi mesi Telco verrà sciolta, Telefonica sarà il primo socio con il 15%.
Si tratta di una rivoluzione nella governance e negli assetti del capitalismo italiano che probabilmente troverà in breve altre repliche: la situazione di Telecom è particolare, già nell’assemblea di dicembre, quando all’ordine del giorno c’era la revoca del consiglio proposta da Marco Fossati, si era sfiorato il «ribaltone», ma i fondi esteri hanno ormai peso determinante anche nell’azionariato di altri grandi società del nostro listino come, per esempio, Unicredit o Montepaschi. Blackrock è l’asset manager globale che ha investito di più in Italia soprattutto negli ultimi mesi e ora detiene quasi il 5% di Telecom Italia, è il primo socio appunto di Unicredit con il 5,2% ed è il secondo di Intesa Sanpaolo con il 5%. Ma, da Invesco a Vanguard, è ormai nutrito l’esercito degli investitori internazionali, preferibilmente anglosassoni, che ha acquisito quote di società quotate in Piazza Affari.
All’aumento della presenza dei fondi internazionali, agevolato sia dalla percezione di un minore rischio Paese, sia dalla liberazione di capitale determinato dalla fine di patti di sindacato e dal disimpegno di alcune fondazioni, corrisponde anche una loro crescente partecipazione alle assemblee. Gli investitori istituzionali l’hanno raddoppiata, passando dal 10,3% al 20,7% sul capitale, da quando nel 2011 è stata applicata la record date che ha superato l’obbligo di deposito preventivo e quindi di blocco delle azioni. In realtà il boom è stato dei gestori internazionali: la partecipazione è cresciuta del 130% e congiuntamente portano in assemblea il 96% del capitale degli investitori istituzionali. Inoltre gli asset manager globali partecipano, come nel caso di Telecom Italia, anche alla formazione delle liste di minoranza selezionate dal Comitato dei gestori, cioè dai fondi aderenti ad Assogestioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa