Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dal carbone al gas, Enel accelera la riconversione

La richiesta era stata presentata a gennaio e ora Enel ha avuto il via libera dal ministero dello Sviluppo per chiudere in anticipo, già a partire dal gennaio prossimo, il Gruppo 2 della centrale a carbone Federico II di Brindisi. È la prima delle quattro unità produttive. La centrale sarà riconvertita in un impianto a gas ad altissima efficienza, spiega il colosso elettrico, per assicurare la chiusura completa dell’impianto a carbone di Brindisi entro il 2025 e per garantire la sicurezza della rete elettrica nazionale.

La strategia di decarbonizzazione di Enel è a livello globale, anche se l’uscita definitiva dal carbone a livello mondo da parte del gruppo guidato da Francesco Starace è prevista entro il 2030. In Italia l’addio definitivo al carbone avverrà invece 5 anni prima in linea con il Piano nazionale integrato energia e clima. La strada è comunque segnata. È di ieri l’annuncio che le controllate cilene Enel Chile ed Enel Generacio’n Chile hanno chiesto di chiudere in anticipo l’impianto a carbone Bocamina, situato a Coronel, rispetto agli accordi con il ministero dell’Energia cileno. Enel Generacio’n Chile richiederà alla Commissione nazionale per l’energia cilena di autorizzare la cessazione dell’operatività delle Unità I e II dell’impianto entro il 31 dicembre 2020 e il 31 maggio 2022 invece della fine del 2023 ed entro il 2040.

A Brindisi Enel sta anche sviluppando progetti per l’installazione di capacità fotovoltaica all’interno del sito, in linea con la strategia generale di sviluppare nuova capacità rinnovabile su tutto il territorio italiano. L’impegno per la transizione energetica verso un modello sempre più sostenibile è diventato determinante anche per gli investitori. Due settimane il fondo sovrano norvegese, il più grande del mondo, con mille miliardi di dollari in gestione, ha messo «sotto osservazione» Enel e altre società che hanno annunciato l’uscita dal carbone ma ancora non l’hanno completata. Il fondo ha già eliminato dal suo portafoglio titoli Glencore, AngloAmerican, Rwe e Vale.

Ieri Enel ha anche annunciato l’incremento della propria partecipazione nella controllata cilena Enel Ame’ricas S.A fino al 62,3% del capitale sociale. Il corrispettivo pagato ammonta a circa 701 milioni di dollari, pari a circa 639 milioni di euro, finanziato dai flussi di cassa della gestione corrente del gruppo italiano.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

BERLINO — Non solo due tedesche, non solo due donne, ma "due europeiste convinte". La conferenza s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BRUXELLES — Con la telefonata ad Emmanuel Macron, ieri pomeriggio Charles Michel ha concluso il pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il gruppo BancoBpm prova a cedere i crediti del gruppo Statuto. Secondo indiscrezioni, l’i...

Oggi sulla stampa