Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dai codici la bussola per lo spesometro

A dieci giorni dalla scadenza del termine per la comunicazione dei dati delle fatture – fissato al 28 settembre – la predisposizione dei file pone ancora diversi dubbi agli operatori. Una delle questioni di maggior rilievo riguarda la codifica delle operazioni senza imposta. Le specifiche tecniche, la circolare 1/E/2017 e la risoluzione 87/E non esauriscono le situazioni possibili. In qualche caso può essere d’aiuto l’apposizione della corretta dicitura nella fattura emessa/ricevuta, ex articolo 21, Dpr 633/72.
Operazioni verso l’estero
Prendiamo il caso della vendita di beni esistenti all’estero. Se il bene è in un Paese Ue e il cessionario è debitore dell’imposta in altro Stato membro, il fornitore nazionale emette fattura indicando «inversione contabile» (ex articolo 21, comma 6-bis, lettera a) e il codice è N6. Se la cessione avviene mentre il bene è in uno Stato extraUe, il codice è N2, trattandosi di «operazione non soggetta» (articolo 21, comma 6-bis, lettera b).
Per le cessioni all’esportazione in regime del margine (beni usati) si utilizza il codice N3, mentre per le analoghe operazione interne, in linea con le rispettive diciture in fattura, si utilizza la codifica N5.
Il codice N3 – usato in generale per le operazioni non imponibili – si usa anche per le operazioni nei confronti degli esportatori abituali, le vendite a San Marino, Città del Vaticano e le cessioni nei confronti dei viaggiatori stranieri (articolo 38-quater, Dpr 633/72).
La stessa codifica N3 dovrebbe valere per le operazioni senza pagamento dell’imposta in base all’articolo 50-bis, Dl 331/1993 (depositi Iva), anche se non si tratta di operazioni non imponibili in senso stretto. Le estrazioni da deposito Iva in esecuzione di cessioni intracomunitarie o all’esportazione, invece, sono operazioni non imponibili a ogni effetto.
Le altre operazioni
Il codice N1 è riferito alle esclusioni dalla base imponibile secondo l’articolo 15, Dpr 633/72.
Attenti, però, ai casi che possono porsi nella prassi. Ad esempio, nella rivendita di un’auto con Iva in parte non detratta, la parte del corrispettivo imputabile alla percentuale d’indetraibilità subita in acquisto dovrebbe qualificarsi come non soggetta (N2).
Con N4 si indicano le operazioni esenti, compresi gli acquisti intracomunitari ex articolo 42, Dl 331/93. In tal caso, come pure in presenza di acquisti intracomunitari di beni/servizi che siano non imponibili Iva, la qualifica dell’operazione (con codifica N3) fa premio sul meccanismo applicativo.
Gli acquisti intracomunitari di beni imponibili Iva, invece, vanno comunicati con il codice dell’inversione contabile (N6), al pari degli acquisti di servizi imponibili da prestatori Ue. In quest’ipotesi, oltre alla natura dell’operazione, si compilano anche i campi «aliquota» e «imposta» (lo stesso avviene in caso di reverse charge “interno”, per esempio in caso di sub-appalto in edilizia, servizi su edifici eccetera). Tali campi, al contrario, non vanno valorizzati in presenza di altri codici che identificano la natura dell’operazione come priva d’imposta.
Le autofatture
Per le autofatture, le specifiche tecniche precisano che si riepilogano, solo come fatture ricevute, quelle da “regolarizzazione” cioè :
emesse in caso di mancata ricezione del documento;
emesse se si è ricevuta fattura irregolare.
La comunicazione, tuttavia, comprende anche le autofatture emesse in via ordinaria.
Si pensi al caso di un servizio territorialmente rilevante in Italia reso da un prestatore extraUe (come confermano le Faq del 12 settembre). Poiché questa operazione è in reverse, il codice da indicare è N6, sempre che si tratti di operazione imponibile Iva. In tal caso, si compilano anche i campi relativi all’aliquota e all’imposta.
Al contrario, per un’operazione soggetta ad autofattura, ma non imponibile, tali campi non sono valorizzati e il codice è N3.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa