Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Dagli Ordini «invito» alla politica

Un uomo e una donna, stilizzati, in primo piano. Sullo sfondo l’andirivieni di uomini e donne con valigette e libri. E poi un calendario con il cerchio rosso intorno al 19 febbraio. La locandina del Professional Day, che si svolgerà oggi a partire dalle 10 – sede centrale Roma, auditorium della Conciliazione, e poi un centinaio di sale periferiche allestite soprattutto presso gli Ordini dei consulenti del lavoro – dà il senso di un universo che punta a sottolineare il cambiamento di questi anni.
È una giornata dedicata alle professioni, anche se forse qualcuno potrebbe commentare che in primo piano c’è il ruolo degli Ordini, come fa Confprofessioni, che riunisce le sigle sindacali dei professionisti. Confprofessioni si è tirata fuori e così la giornata è organizzata da Cup, Pat – che rappresentano gli Ordini – e Adepp, l’associazione che dà una voce unitaria alle Casse di previdenza. Nelle dichiarazioni dei promotori è la giornata dedicata alle professioni che incontrano la politica, in vista delle elezioni, per tentare di intervenire sulle priorità nell’agenda del nuovo Parlamento.
Temi sociali e temi di categoria si intrecceranno. Marina Calderone, presidente del Cup e dei consulenti del lavoro, spiega che gli Ordini e i professionisti vogliono diventare i portavoce dei cittadini davanti alla politica, mediando le istanze attraverso la competenza tecnica. Si parlerà dunque di lavoro, sanità, giustizia, welfare, ambiente, città e infrastrutture. Tutte le riflessioni e le proposte – articolate dagli Ordini o dall’Associazione che operano nel settore di riferimento – saranno declinate in tavole rotonde, intervallate dagli interventi dei politici, da Angelino Alfano (Pdl) a Stefano Fassina (Pd).
I consulenti, per esempio, illustreranno un progetto per la riduzione di otto punti del costo del lavoro, da ripartire tra datore e lavoratore, attraverso il taglio di interventi “a pioggia”. Dalle professioni giuridiche verrà rilanciata la necessità di una giustizia rapida, per creare un ambiente non ostile agli investitori esteri, e si porrà l’accento su sistemi alternativi di composizione delle liti, basati sulla richiesta delle parti.
Dalle Casse professionali, sotto la guida del presidente Adepp, Andrea Camporese, arriverà il manifesto per dare più tutele ai professionisti: non solo previdenza ma un sistema organico di welfare che aiuti i giovani agli esordi, chi magari è maturo ma deve riconvertire la propria attività, le madri che devono dividersi tra studio e figli. Se la doppia tassazione (sugli investimenti e sulle prestazioni pagare ai pensionati) verrà in qualche modo limitata si potranno liberare energie finanziarie per costruire una rete di protezione ampia e modellata su moltemplici esigenze.
Per le professioni tecniche, Armando Zambrano, presidente del Pat, illustrerà la disponibilità dei professionisti a supportare le amministrazioni nella fase dei controlli preventivi.
La manifestazione affronterà anche la riforma delle professioni, anzi l’obiettivo-liberalizzazioni che compare in gran parte dei programmi politici. Che cosa si nasconda dietro l’etichetta-liberalizzazioni è piuttosto vago (si veda Il Sole 24 Ore di domenica 17). Certo è che le professioni sono cresciute molto in termini numerici: il Cup dichiara 2,3 milioni di iscritti agli Albi, il 55% dei quali hanno meno di 45 anni. Inoltre, sempre più forte è la componente femminile; tra i neo iscritti agli Ordini professionali il 60% è una collega. Il mercato è sintetizzabile a partire da questi dati, cui occorrerebbe affiancare i risultati economici per fasce d’età e aree geografiche. Forse da qui potrebbe nascere il confronto con i giovani professionisti da parte della politica: da oggi (forse) si vedrà se questa è la strada della politica.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa