Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Da Bruxelles nuovo sì all´Italia via libera alle misure anti-spread marcia indietro degli eurofalchi

BRUXELLES – La riunione dei ministri dell´Eurogruppo sembra essere riuscita almeno a superare le resistenze di principio dei “falchi” ad accettare i progressi decisi al vertice di Bruxelles. I ministri dell´economia dei diciassette Paesi che formano l´unione monetaria hanno discusso ieri fino a tarda notte sui dettagli tecnici per il finanziamento delle banche spagnole da parte del fondo salva stati e sulle modalità di funzionamento del meccanismo di stabilizzazione che dovrebbe consentire di ridurre lo spread sui titoli italiani e spagnoli.
Non tutti i punti sono stati chiariti. Le decisioni operative non ci sono ancora e sarà sicuramente necessaria una seconda riunione dei ministri il 20 luglio. E c´è addirittura chi ipotizza un nuovo vertice straordinario dei capi di governo cinque giorni dopo. Ma almeno l´Italia, presente con Monti nelle sue vesti di ministro dell´economia, accompagnato dal ministro per gli affari europei Moavero e dal vice ministro per l´economia Grilli, ha ottenuto che le questioni venissero poste sul tavolo e che i rappresentanti dei governi di Olanda e Finlandia facessero marcia indietro rispetto ai veti di qualche giorno fa.
«Bisogna risolvere dalle fondamenta i problemi di Italia e Spagna», ha dichiarato il ministro delle finanze olandese Jean de Jaeger entrando alla riunione. E la sua collega finlandese, Jutta Urpilainen, che aveva addirittura rilasciato un´intervista ipotizzando una uscita della Finlandia dalla moneta unica, ha precisato e chiarito la posizione di Helsinki: «La Finlandia è pienamente impegnata per l´euro. La crisi in Europa è molto preoccupante, e naturalmente tutti vogliono che i tassi d´interesse calino, soprattutto nell´Europa del Sud. Ma uno dei compiti di un governo è prepararsi per diversi scenari perché la situazione è così incerta che nessuno sa che cosa succederà domani».
Su ricapitalizzazione delle banche e scudo anti-spread restano aperte alcune questioni chiave. Quello che riguarda le banche è un problema di tempi, e cioè quanto occorrerà per mettere in piedi l´autorità unica di supervisione affidata alla Bce, che è la condizione per consentire al fondo salva stati di intervenire direttamente senza dover passare per il bilancio del Paese beneficiato. Il francese Moscovici vorrebbe che il sistema fosse operativo «entro l´anno». Ma il tedesco Schauble ritiene che i tempi «non saranno brevi». In effetti sono già emerse divergenze tra la Commissione, che deve presentare la proposta formale, la Bce, che dovrà gestire il nuovo sistema, e l´Eba, la nuova agenzia bancaria europea che finora aveva un ruolo di coordinamento tra le authority bancarie nazionali. Per quanto riguarda la Spagna, dall´Eurogruppo dovrebbe emergere un accordo «politico», che sarà poi concretizzato il 20 luglio, quando si conosceranno le esigenze di ricapitalizzazione di ogni singolo istituto spagnolo. Intanto si sa che l´accordo prevede soglie di capitalizzazione più elevate per le banche che ricevono il prestito, e la creazione di una «bad bank» verso cui far confluire tutti i crediti tossici ora in mano ai vari istituti.
Sul meccanismo anti-spread, il problema chiave resta quello della condizionalità. L´Italia insiste perché l´intervento aiuti i Paesi “virtuosi” che sono in regola con le raccomandazioni della Commissione, senza bisogno di ulteriori impegni da parte loro. Il partito dei rigoristi chiede invece che l´intervento del Fondo sia condizionato a una qualche forma di ulteriore supervisione europea.
Ieri intanto i ministri hanno preso due decisioni importanti. La prima è quella di concedere alla Spagna un anno di tempo in più, dal 2013 al 2014, per riportare il proprio deficit sotto la soglia del tre per cento. La seconda è la proroga fino alla fine dell´anno del mandato al lussemburghese Jean Claude Juncker come presidente dell´Eurogruppo. Per succedergli, il candidato più accreditato resta al momento il tedesco Wolfgang Schauble.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa