Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Cybercrime al primo posto tra i rischi delle imprese

Investimenti e formazione. Passa da qui la lotta – come spiega Luca Boselli, partner Kpmg, Head of cyber security services, prendendo spunto da una survey su 1.300 figure apicali in aziende, con oltre 500 milioni di dollari di fatturato, di 11 mercati chiave nel mondo – a quella che è considerata la principale minaccia alla crescita economica: il cybercrime. Se ne è parlato ieri all’evento “Cybersecurity. L’ecosistema digitale per la protezione e lo sviluppo delle imprese”, organizzato da Il Sole 24 Ore e 24 ORE Eventi in collaborazione con Assolombarda e Cini (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica). L’appuntamento – cui hanno partecipato online 1.600 iscritti e che ha avuto come main partner Fortinet, Kaspersky, Kpmg e Yarix mentre Official Partner sono stati CyberRex e Forcepoint con Check Point e Cyber Guru in qualità di Event Partner – è stato aperto da un intervento del direttore del Sole 24 Ore, Fabio Tamburini. La considerazione generalizzata è che la cybersecurity non è più da considerare come un tema specialistico, per “ingegneri”. È la vita di tutti i giorni con le sue crescenti modalità di interazione e lavoro “da remoto” a richiamare sulla necessità di mettere il tema sotto la lente di ingrandimento.

Ne è consapevole il mondo delle imprese che, ha confermato Enrico Cereda, vicepresidente Assolombarda, si sta organizzando anche a livello associativo. Sono state erogate più di 140 consulenze specialistiche alle aziende sul tema ed effettuati oltre 300 check cyber ha ricordato in conclusione dell’incontro Michele Mariella, coordinatore Working Group Cybersecurity Assolombarda.

Anche la politica si è mossa, con il Perimetro cibernetico di sicurezza seguito dalla nascita dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale sancita con la conversione del decreto legge 82 del 14 giugno 2021, nella legge 109 del 4 agosto 2021.

«Per proteggere la nostra filiera imprenditoriale e industriale è necessario un ecosistema di sicurezza e difesa, asset che già esiste all’interno del ministero della Difesa attraverso il “Cor”: il Comando per le Operazioni in Rete» spiega il sottosegretario alla Difesa, Giorgio Mulé. Una garanzia, quest’ultima, di visione unitaria e coerente nelle azioni di contrasto a un fenomeno la cui pericolosità è espressa dall’evidenza algebrica dei numeri in gioco. I danni economici da cybercrime nel 2020 sono stati pari a 945 miliardi di dollari: l’1% del Pil mondiale. E gli attacchi informatici a livello globale hanno raggiunto il picco massimo nel 2020, con 1.871 attacchi gravi di dominio pubblico rilevati e un incremento pari al 12% rispetto all’anno precedente secondo il Rapporto Clusit 2021. Preoccupante anche il trend in aumento degli attacchi gravi: +66% rispetto al 2017. «Nel primo semestre 2021 sono in aumento del 21% gli attacchi gravi compiuti per finalità di cybercrime, ovvero per estorcere denaro alle vittime, che oggi rappresentano l’88% del totale, quelli che definiamo come ransomware: una delle minacce per me più concrete e più pericolose per un Paese», aggiunge Mulé.

La survey Kpmg indica in un 10% le aziende che si sentono molto preparate a gestire attacchi cyber (prima della pandemia erano il 27%) con il 58% che si sentono ragionevolmente preparate. C’è insomma da lavorare. A partire dalla formazione, come testimoniano le due iniziative del Cini spiegate da Alessandro Armando, vicedirettore del Laboratorio Nazionale Cybersecurity: CyberChallenge.IT (per 32 università e 2 centri specializzati) e OliCyber (per gli istituti superiori di secondo grado). È chiaro però che questo è il momento di investire. E di farlo a tutto tondo visto che, per come emerso dal dibattito, la cybersecurity si alimenta anche dalla conoscenza approfondita dei propri avversari per contrastarli sul loro stesso terreno. In questo quadro, come ricordato da Vittorio Veronesi, responsabile divisione tecnica Assiteca, è importante per le aziende considerare anche le possibilità offerte dalle coperture assicurative.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Gran rimbalzo per Mps a Piazza Affari, con il titolo che risale del +16,73%, dai minimi: anche se g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prove di dialogo tra Vivendi e Cdp, azionisti di Tim con il 23,75 e il 9,81%. Qualche anno fa, un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nasce Allianz Viva. Completata l’acquisizione due mesi fa esatti, il gruppo tedesco ha avviato ie...

Oggi sulla stampa