Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ctp, ricorsi a maglie larghe

Il giudice tributario non può dichiarare inammissibile il ricorso proposto dal contribuente se non allega la copia dell’atto impugnato, ancorché l’obbligo di allegazione sia imposto dalla normativa processuale. L’atto contestato può essere prodotto anche nel corso del giudizio di primo grado o su richiesta del giudice. Il provvedimento impositivo, tra l’altro, può essere considerato un nuovo documento e, quindi, non è escluso che il contribuente possa depositarlo per la prima volta in appello. Per la Cassazione (ordinanza 13817 del 31 maggio 2018) la sanzione dell’inammissibilità del ricorso può essere pronunciata solo nel caso di mancato deposito degli atti e documenti previsto dalla norma processuale, vale a dire per gli atti previsti dall’art. 22, co. 1, del dlgs 546/92 e non già per quelli indicati dal co. 4. Quindi, «l’originale (o la fotocopia) dell’atto impugnato, contemplato appunto nel quarto comma unitamente ai «documenti» in genere, può essere prodotto anche in un momento successivo, ovvero su impulso del giudice tributario». Secondo la Cassazione, «l’atto impugnato segue il regime giuridico dei «nuovi documenti» che possono pacificamente prodursi in grado d’appello». La norma sopra citata stabilisce come deve avvenire la costituzione del ricorrente nel giudizio di primo grado. Il contribuente entro 30 giorni dal ricorso deve depositare in Ctp l’originale del ricorso notificato oppure copia del ricorso consegnato o spedito per posta. Naturalmente, ciò che può essere eccepito è la difformità sostanziale, che se accertata comporta la dichiarazione d’inammissibilità del ricorso. L’articolo 22, comma 4, impone poi che unitamente al ricorso e alle fotocopie di consegna o spedizione alla controparte, il contribuente deve depositare il proprio fascicolo «con l’originale o la fotocopia dell’atto impugnato». L’inammissibilità del ricorso è rilevabile d’ufficio dal giudice in ogni stato e grado del giudizio, ma non quando non viene allegato l’atto contestato, che può essere depositato anche in appello.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sulla carta è stata una riunione “informale” — durata quasi quattro ore — per mettere a pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da domani 1° dicembre il sequestro conservativo su conti bancari di altri Paesi Ue potrà effettiva...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sconto Ires del 50% per le Fondazioni bancarie e nuovo regime Iva per 298mila associazioni. Sono le ...

Oggi sulla stampa