Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crisi, le startup resistono

Un ecosistema resiliente che ha affrontato pro-attivamente e positivamente la crisi dovuta all’emergenza Covid meglio delle imprese italiane: è la fotografia del mondo delle startup scattata nel 2020 da uno studio promosso da Officina Mps, il laboratorio permanente del Montepaschi dedicato all’innovazione, e realizzato con Swg. L’architettura snella, la capacità di operare cambiamenti anche radicali nel breve periodo e la propensione a rinnovarsi e mettere sempre in discussione il proprio modello di business, oltre all’innato ottimismo degli startupper, sono le chiavi che hanno permesso di superare il 2020 e che proiettano le giovani imprese in un nuovo anno pieno di sfide ma anche di opportunità.

La ricerca puntava a capire come l’emergenza sanitaria avesse impattato su questo comparto economico. Rinnovamento e non rivoluzione: questo sembra essere il mantra delle startup. Soltanto il 12% del campione intervistato ha completamente stravolto il business, mentre quasi metà ha operato nei mesi scorsi continui aggiustamenti mirati e graduali, possibili grazie a una struttura aziendale snella e proiettata verso il futuro. Con queste premesse emerge che oltre metà delle startup (51%) afferma di essere uscita positivamente dalla crisi, contro il 39% delle imprese tradizionali.

Ma c’è chi va oltre: il 15% delle startup italiane ha tradotto l’emergenza in nuove opportunità registrando, di fatto, un incremento di fatturato. Tra queste spiccano le realtà più giovani e quelle appartenenti al comparto Ict.

Gli startupper mostrano anche di avere una visione di che cosa li aspetterà nei prossimi mesi. Questo è il dato che vede la maggiore distanza tra imprenditori tradizionali e founder di startup: se il 27% delle aziende crede in una ripresa a breve termine, per otto startup su dieci la situazione del business è destinata a migliorare quest’anno. I tre quarti delle startup sentono il bisogno di servizi bancari dedicati e, in generale, c’è un ampio ricorso alla consulenza su aspetti di natura fiscale e legale, così come la necessità di interfacciarsi con enti governativi, regioni, associazioni di categoria e incubatori d’impresa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa