Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Criptovalute, la caduta dopo il boom Bitcoin, valore dimezzato in un mese

Da una parte la Corea del Sud, dall’altra la «minaccia in evoluzione» evocata dal Tesoro americano. E così il bitcoin, la criptomoneta più scambiata al mondo, ha toccato ieri i minimi da novembre scendendo sotto i 10 mila dollari, in calo di quasi il 50% dai massimi di dicembre. A provocare l’ondata di vendite, iniziata la settimana scorsa quando il ministro delle Finanze sudcoreano, Kim Dong-yeon, aveva anticipato una stretta sugli scambi, è la possibilità che anche la Cina studi misure restrittive. E che in generale le autorità di regolamentazione valutino un giro di vite alle criptovalute, ritenute un investimento molto volatile e altamente illiquido che mette a rischio i consumatori.

Ipotesi che hanno scatenato le vendite e che hanno riguardato in maniera più lieve anche altre valute digitali. Bitcoin Cash perdeva ieri il 31%, Ethereum il 30%, scambiato a 800 dollari, Litecoin il 29% a 147 dollari. Anche Ripple, la criptovaluta che più ha guadagnato nel 2017, è stata scambiata ieri a 0,9 dollari, con un calo del 31% in 24 ore. La perdita di capitalizzazione di mercato per l’intero settore delle valute digitali è stata valutata oltre 200 miliardi di dollari. La volatilità, del resto, è tipica delle criptomonete ma quello che sta crescendo nelle ultime ore è il timore che vengano presto chiusi i siti di exchange. Esattamente come ha annunciato di voler fare Seul. La Corea del Sud è il secondo Paese al mondo per volume d’affari in criptovalute ma sta proprio valutando il bando totale, come ha annunciato il ministro delle Finanze. E come sta pensando di fare anche la Cina, che ha messo nel mirino siti web e app che offrono servizi simili a piattaforme di scambi. Anche il Tesoro americano ha lanciato l’allarme sulle valute digitali facendo eco ai ripetuti avvertimenti giunti dai Paesi asiatici. E a proposito dei bitcoin si è parlato più e più volte di bolla, soprattutto in questi giorni, considerati i peggiori dal 2015 con 300 miliardi di dollari in valore bruciati dal 13 gennaio.

Anche Bruxelles ieri è intervenuta sul tema: l’Ue ha chiesto con urgenza alle autorità europee di vigilanza finanziaria (Eba, Esma e Eiopa) di aggiornare le proprie comunicazioni e avvertenze ai consumatori a seguito dei recenti sviluppi di mercato e ha ricordato di avere in programma un «piano d’azione imminente sulla tecnologia finanziaria che verrà presentato in primavera». Quel che è certo è che il grande crollo di questi giorni segue il picco enorme del mese di dicembre quando il bitcoin era arrivato a superare i 19 mila dollari.

Corinna De Cesare

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa