Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crescita, sì al fondo Ue ma è sfida sul deficit

Il Consiglio dei 28 capi di Stato e di governo dell’Ue ha fissato entro giungo 2015 il via al fondo di investimenti per il rilancio della crescita e dell’occupazione, proposto dal presidente lussemburghese della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Il premier Matteo Renzi ha reso noto il rinvio «a gennaio» della discussione su maggiore flessibilità nei vincoli di bilancio e, in particolare, sulla possibilità di scorporare gli investimenti pubblici produttivi dal calcolo del deficit.
Renzi ha sottolineato il parere «favorevole» della Commissione, pur limitato ai contributi al fondo e all’interno quanto previsto dal patto di Stabilità.
Juncker aveva anticipato che il suo piano non contiene «soldi freschi» e ha sollecitato l’intervento dei Paesi in condizione di spendere, a partire dalla Germania. Ma la cancelliera tedesca Angela Merkel e altri leader del Nord Europa restano prudenti. Il premier finlandese Alexander Stubb ha consigliato «basse aspettative». Al momento il fondo di Juncker prevede solo 21 miliardi (8 + 8 di garanzie Ue più 5 miliardi di prestiti della banca comunitaria Bei), che dovrebbero diventare 315 miliardi con investimenti privati in base a una leva finanziaria di ben 15 volte (da ripartire tra 28 Paesi). Renzi ha definito questo progetto «un grande successo della famiglia socialista», che ha fatto pressioni sugli europopolari di Merkel e Juncker. Ha ammesso poi che «il piano va rafforzato». Il presidente della Bce Mario Draghi ha esortato a procedere «velocemente» con gli investimenti. Vari Paesi mediterranei ne hanno assoluto bisogno. L’Italia sconta recessione, disoccupazione, debito record, arretramento dei consumi.
Il semestre di presidenza italiana dell’Ue, che di fatto termina con questo summit, non ha ottenuto più «flessibilità» sui vincoli di bilancio. Ma Renzi si aspetta «una comunicazione della Commissione» già in gennaio. Un summit straordinario dei capi di governo è previsto a febbraio. Merkel non ha consentito troppe aspettative.
«Il patto di Stabilità va rispettato pienamente — ha chiarito la Cancelliera —. La politica economica europea deve fondarsi su un consolidamento di bilancio favorevole alla crescita, smantellamento della burocrazia eccessiva e piano di investimenti». Juncker ha espresso «piena fiducia» in Renzi sostenendo che «non ci deluderà». Inoltre il presidente della Commissione appare obbligato a compiacere gli eurosocialisti, che sono decisivi per respingere le richieste di dimissioni causate dal suo coinvolgimento nello scandalo LuxLeaks.
Il premier lussemburghese Xavier Bettel ha dato una mano al connazionale annunciando che fornirà alla Commissione europea i documenti (finora negati) sui favoritismi fiscali concessi a multinazionali, banche e società straniere quando Juncker era capo del governo del Granducato.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un anno dopo aver scosso Wall Street mettendo le politiche a tutela dell’ambiente al centro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proprio nel giorno delle dimissioni del governo Conte dagli ambienti finanziari trapela con determin...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il Cr7 dei banchieri ha vinto, come nelle previsioni, la corsa per la poltrona più alta d...

Oggi sulla stampa