Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Cresce il rischio povertà

Nei numeri del terzo Rapporto sulla coesione sociale di Istat, Inps e ministero del Lavoro c’è la fotografia di un’Italia affaticata che combatte con tenacia la crisi e le difficoltà che questi anni claudicanti si portano dietro ma che non sa fronteggiare dati impietosi: il “rischio povertà” è cresciuto dal 26,3% del 2010 al 29,9% del 2011. Ed è la variazione negativa (3,3 punti) più elevata tra i Paesi Ue.
Coesione sociale.Stat, il database con le statistiche di Inps, Istat e ministero, elabora più di 700 indicatori su demografia, lavoro, capitale umano, povertà, salute, politiche di protezione e assicurazione sociale, politiche attive sul mercato del lavoro, e organizza il materiale in tre sezioni: contesto socio-economico; famiglia e coesione sociale; spesa e interventi per la coesione sociale. Lo studio distingue fra la soglia di povertà assoluta (la spesa minima per beni e servizi: il dato varia per regione, comune, numero di compententi, ad esempio per una famiglia del Nord di due persone è di 962 euro) e quella di povertà relativa (per una famiglia di due componenti è pari alla spesa media pro capite nel Paese, al netto delle spese per le case, di premi per assicurazioni vita, rendite vitalizie, mutui e prestiti). Entrambi gli indicatori mostrano un’Italia che sta peggio di qualche anno fa.
La povertà relativa
Nel nostro Paese ci sono 2,782 milioni di famiglie in condizione di povertà relativa (11,1% del totale delle famiglie) per 8,173 milioni di italiani poveri.
In generale, l’incidenza di povertà relativa fra gli adulti di 18-64 anni è del 12,7% su base nazionale, con un picco più che doppio al Sud, e con un trend che dal 2005 a oggi è andato sempre peggiorando: al Nord era povero il 4,2% degli adulti, oggi lo è il 5,2% (con Bolzano nelle condizioni meno drammatiche: solo il 2,1% in difficoltà); al Centro si è passati dal 5,6% di sette anni fa al 7,2%; al Sud si è andati dal 24,5% del 2005 al 25,7% di oggi (con la Sicilia nelle condizioni peggiori: 30,9%).
Se si fa la medesima analisi sulle persone che hanno più di 65 anni, i dati sono altrettanto impietosi e preoccupanti. Il 12,8% degli italiani over65 vive in una condizione di povertà relativa (dato però che va scendendo dal 15,6% del 2004 al 13% del 2010 fino al 12,8% del 2011). La ripartizione geografica segna sempre un netto contrasto fra il Nord (6,7% di poveri), il Centro (8,1%) e il Sud Italia (24,9%).
La povertà assoluta
Anche questa voce è in crescita negli ultimi anni perché la crisi sta lasciando tasche vuote e madie piene di bisogni. Dal 3,5% di adulti (18-64 anni) in situazioni di povertà assoluta nel 2005 al 5,3% del 2011 (con Nord e Centro al 3,5% e il Sud all’8,6%). Come anche per l’indicatore precedente, il dato è più “pesante” nella fascia d’età degli ultra 65enni, persone più vulnerabili e più bisognose di cure e attenzioni: quasi sei italiani su cento non hanno di che vivere (sono più di sette ogni cento al Sud). I dati fotografano meglio di qualsiasi discorso un’Italia sfilacciata ma, scrivono Enrico Giovannini (presidente Istat) e Antonio Mastrapasqua (presidente Inps), nella prefazione: «La conoscenza dei numeri può tornare utile, proprio nell’attuale congiuntura istituzionale, economica e sociale per definire e caratterizzare nuove politiche, nonché per provare a valutare gli effetti degli interventi messi in campo in Italia per sostenere la coesione sociale».
Un labile sostegno
Nel Rapporto Istat, Inps, ministero, vi è anche un’analisi per Paese dell’Unione e per tipo di prestazione che viene erogata ai cittadini. Ogni italiano, fra malattia, invalidità, famiglia, vecchiaia, disoccupazione, casa e spese amministrative, costa poco più di 7.200 euro, al di sotto della media Ue15 (7.880 euro) e ancora più lontano dai sostegni dei principali competitor europei (Germania e Francia con 8.500 euro, Regno Unito con 7.500 euro).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa