Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Credito alle famiglie, la ripresa economica sostiene la crescita

Tassi d’interesse ai minimi e la fiducia ritrovata invitano le famiglie a chiedere più credito al consumo. L’importo medio richiesto nel 2017 per l’aggregato di prestiti personali più finalizzati supera di poco i 9mila euro, attestandosi a quota 9.050. Il trend degli ultimi anni si conferma in costante crescita – il dato 2016 era di 8.400 euro – anche se resta distante dai 9.500 euro del 2008.
Nel 2017 il numero delle richieste di nuovi prestiti, tra personali e finalizzati, è aumentato di quasi il 2% rispetto all’anno precedente grazie a un vero e proprio rush di fine anno: a dicembre la crescita è stata del 9,3%, la migliore performance nell’arco dei dodici mesi. Tra le due formule è migliore la performance dei prestiti personali, che a dicembre segnano un +18,7% portando al +5,4% il dato annuale. I finalizzati, quelli destinati all’acquisto di auto, beni durevoli, spese sanitarie e viaggi, lo scorso mese hanno visto aumentare (+4,7%) il numero delle domande ma il consuntivo registra una flessione di quasi un punto percentuale. Il comparto capitalizza così il trend favorevole che, a volumi, si allinea con il numero delle richieste del 2010.
È quanto rivela l’ultima edizione del «Barometro Crif sulle richieste di prestiti» rilevate dal Sistema di informazioni creditizie di Crif, che raccoglie i dati relativi ad oltre 85 milioni di posizioni.
«Prevediamo che il mercato nel 2018 potrà confermare ritmi di crescita positivi, seppure in lieve rallentamento rispetto a quelli visti lo scorso anno – spiega Simone Capecchi, executive director di Crif -. Nel 2017 le richieste di prestiti da parte delle famiglie hanno registrato un ulteriore significativo balzo in avanti. È la conferma della vitalità del credito al consumo, che peraltro sta velocemente cambiando pelle con l’avvento delle nuove tecnologie che favoriscono lo sviluppo di altri canali distributivi e l’ingresso di nuovi player».
Gli importi medi richiesti delle famiglie per i finalizzati sfiorano i 6mila euro, con una crescita dell’11% sul 2016, come conseguenza dell’aumento delle domande per l’acquisto di auto. Nel caso dei personali l’incremento è del 3,6% mancando di poco la soglia dei 13mila euro. Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, l’importo medio dei prestiti finalizzati registra una crescita più sostenuta in Veneto e Friuli (+10% rispetto al 2009), mentre il gradino più basso del podio viene conquistato dalla Basilicata. Sul gradino più alto del podio dei prestiti personali invece c’è la Liguria (+8,3% sul 2009) che precede Friuli e Toscana.
Scorrendo i dati provinciali l’importo medio più elevato per i finalizzati, intorno ai 7.900 euro, è richiesto a Como, Verbania e Biella mentre quello più contenuto, 4mila euro, è a Napoli che chiude la classifica. Nei personali al top con circa 14mila euro spiccano Nuoro e Sassari, mentre Padova segue a brevissima distanza. In termini di durata un richiedente su quattro ha optato per un rientro oltre i 5 anni con un progresso di un paio di punti percentuali. In calo al 16,5% dal 18,7% del 2017 la quota di coloro che optano per una durata inferiore all’anno.
Importi più elevati e richieste di credito in aumento: ma le famiglie come hanno utilizzato questo cash? Da Chiaffredo Salomone, amministratore delegato di Findomestic, arriva una possibile chiave di lettura: «Oggi possiamo dire che il credito al consumo sostiene il lifestyle delle famiglie, dal momento che il 68% delle persone avrebbe rinunciato a un acquisto programmato se non avesse potuto disporre di un finanziamento». Insomma, una vera e propria stampella a sostegno della domanda come evidenziano le stime di fine 2017 dell’Osservatorio Findomestic. Il 60-70% delle vetture sono quasi sempre acquistate dai privati grazie a un prestito finalizzato. Nel caso di grandi o piccoli elettrodomestici e dell’elettronica di consumo, invece, l’incidenza si abbassa al 9% per calare all’1,2% per mobili e arredamento.

Enrico Netti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa