Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crediti Pmi, in arrivo tre miliardi di garanzie

Arrivano 3 miliardi di euro a garanzia del credito concesso dalle banche alle piccole e medie imprese. L’ombrello finanziario, frutto di un accordo siglato ieri tra Cassa depositi e prestiti (Cdp) e il Fondo europeo per gli investimenti (Fei) nell’ambito del programma europeo Cosme, dovrebbe contribuire a generare un effetto leva nell’attivazione di nuovi investimenti per un volume complessivo di 8 miliardi di euro, a fronte di finanziamenti erogati per 5,8 miliardi di euro. Le pmi potenzialmente interessate ad accedere a questi fondi sono 65 mila e operano in tutti i settori. I finanziamenti potranno arrivare a un massimo di 150 mila euro a impresa.

L’iniziativa è sostenuta dall’Unione europea attraverso le risorse del piano di investimenti per l’Europa, conosciuto anche come piano Juncker. Cdp ha sottoscritto col Fei un accordo per potenziare ulteriormente la capacità operativa del fondo di garanzia per le pmi a supporto del tessuto produttivo italiano. Grazie a questa intesa, ora Cdp potrà concedere in favore del fondo di garanzia 3 miliardi di euro di contro-garanzie su un portafoglio del valore complessivo di 3,75 miliardi.

I finanziamenti alle pmi, come detto, avranno un importo massimo erogato per impresa di 150 mila euro; la durata non sarà inferiore ai 12 mesi. Per incassarli le imprese interessate potranno rivolgersi direttamente alla propria banca o al proprio Confidi. L’esito della domanda sarà comunicato nell’arco di sette giorni lavorativi. Tutte le informazioni sono già disponibili alla seguente pagina web: www.fondidigaranzia.it.

Le risorse finanziarie che Cdp veicolerà arrivano attraverso il programma europeo Cosme (Competitiveness of small and medium-sized enterprises) gestito dal Fei. I fondi permetteranno di erogare fino a 5,8 miliardi di euro di finanziamenti in favore di 65 mila piccole e medie imprese operanti in quasi tutti i settori merceologici. E attiveranno nuovi investimenti per un volume complessivo stimato in circa 8 miliardi. Si tratta della seconda operazione realizzata da Cdp in favore del fondo pmi attraverso il Cosme. Sommata alla precedente, costituisce l’intervento d’importo più rilevante realizzato in un singolo paese europeo: infatti, grazie alla prima operazione attivata da Cdp nel 2017, oltre 47 mila pmi italiane hanno ricevuto, in poco più di 18 mesi, nuovi finanziamenti per circa 4,1 miliardi di euro, che hanno attivato investimenti per un ammontare stimato di circa 5,7 miliardi di euro.

Secondo Elzbieta Bienkowska, commissario Ue per il mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le pmi, «grazie al Piano Juncker si prospetta che 291.300 pmi italiane potranno beneficiare di un miglior accesso al credito»; mentre l’ad di Cdp, Fabrizio Palermo, ha chiosato: «L’intesa sottoscritta contribuisce a consolidare il fondo di garanzia per le pmi, uno strumento decisivo per supportare gli investimenti delle imprese, vero motore della crescita del Paese». L’accordo si inserisce, peraltro, nel perimetro della piattaforma di risk-sharing per le pmi strutturata da Cdp in cooperazione con il Fei.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Stavolta non basterà lo stratagemma di una richiesta fotocopiata a Bruxelles senza firma, e nemmeno...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Niente rinvii per la riforma delle procedure che regolano la crisi d’impresa e l’insolvenza. La ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un voto a favore e un voto contro e Brexit è “congelata”. L’accordo di Boris Johnson è passa...

Oggi sulla stampa