Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crediti p.a., conto alla rovescia

Il 24 agosto. È questa la data ultima entro la quale i creditori della pubbliche amministrazioni potranno attivarsi per usufruire della garanzia dello Stato al fine di ottenere il pagamento di quanto loro dovuto.

Con la conversione del decreto legge n. 66/2014 disposta dalla legge n. 89, è stato definitivamente approvato il nuovo meccanismo volto a favorire lo smobilizzo dei crediti attraverso la loro cessione pro-soluto a una banca (o ad altro intermediario finanziario). I crediti ceduti saranno garantiti dallo Stato, il che consentirà di contenere la misura dello sconto che potrà essere richiesto dal cessionario. Esso, infatti, non potrà essere superiore a un massimale, che sarà determinato con un decreto del Mef in via di perfezionamento: il provvedimento, infatti, è già stato firmato da Pier Carlo Padoan ed è in attesa del visto della Corte dei conti. Esso dovrebbe fissare il tetto all’1,6% per importi inferiori a 50 mila euro e al’1,9% per importi superiori. Si tratta di condizioni molto favorevoli rispetto a quelle di mercato.

In dirittura d’arrivo anche la convenzione tra Abi e Cassa depositi e prestiti chiamata a disciplinare l’eventuale, ulteriore cessione dei crediti dalle banche alla Cassa depositi e prestiti.

In attesa che il quadro dei provvedimenti attuativi si completi, in ogni caso, è bene che i creditori inizino ad affilare le armi. Per usufruire della nuova chance, infatti, è necessario che i crediti siano certificati.

Per chi non è già in possesso della certificazione, la norma prevede una specie di corsia preferenziale con tempi contingentati. I creditori dovranno presentare istanza di certificazione improrogabilmente entro il 24 agosto. In precedenza, la dead-line era fissata 60 giorni dopo l’entrata in vigore del dl 66, ossia al 24 giugno. In base al testo definitivo, invece, i 60 giorni sono nuovamente scattati dall’entrata in vigore della legge di conversione, avvenuta proprio il 24 giugno. Ecco perché c’è tempo fino a fine agosto.

La partita riguarda tutti coloro che vantano nei confronti di una pubblica amministrazione diversa dallo Stato (sia essa regionale, locale o appartenente al Ssn) crediti di parte corrente per somministrazioni, forniture e appalti e per prestazioni professionali maturati entro il 31 dicembre 2013.

Il riferimento alla parte corrente esclude buona parte dei crediti relativi a lavori pubblici, che nei bilanci pubblici sono contabilizzati come spese in conto capitale. Nel dubbio, comunque, è bene verificare la natura del proprio credito.

Se questo è effettivamente di parte corrente e non è ancora certificato, allora è possibile attivarsi. Le amministrazioni debitrici avranno 30 giorni di tempo per rispondere e, in caso di inadempimento, incapperanno in pesanti sanzioni: ferma restando la possibilità per il creditore di attivare il potere sostitutivo, infatti, scatterà il divieto di assumere personale e di contrarre nuovi prestiti.

Se, invece, si è già in possesso della certificazione, occorre attendere che sia fissato lo spread che le banche potranno applicare all’operazione e che vengano stipulate le convenzioni quadro per regolare le operazioni di cessione

Avvenuta la cessione, l’impresa o il professionista uscirà di scena: sarà la banca (o l’intermediario) a riscuotere il credito (o, eventualmente, a cederlo alla Cassa depositi e prestiti).

Il meccanismo descritto si affianca, senza sostituirle, alle altre forme di smobilizzo già previste: chi non intende avvalersene o vanta crediti esclusi dall’ambito di applicazione del nuovo istituto (per esempio, crediti di parte capitale) potrà comunque cederli a una banca (senza garanzia statale) o utilizzarli in compensazione con i propri (eventuali) debiti fiscali. A tal fine, è comunque necessario ottenere la certificazione, che (altra novità introdotta dal dl 66) dovrà sempre e obbligatoriamente essere munita dell’indicazione della data di pagamento. Quest’ultima, inoltre, andrà inserita anche nelle certificazioni già emesse, che dovranno essere integrate.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa