Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crediti dubbi in calo: nelle banche italiane restano 145 miliardi

I passi sono stati da gigante: le banche italiane hanno più che dimezzato i crediti deteriorati nei loro bilanci in soli quattro anni, arrivando a detenerne 159 miliardi di euro a settembre 2019 e probabilmente 145 a fine anno. Ma, sebbene da gigante, questi passi non bastano ancora: l’Italia resta infatti lontana dalla media europea e dagli obiettivi fissati per il 2021 dalla Bce in materia di crediti deteriorati. È questo uno dei messaggi lanciati dall’osservatorio Npl di Banca Ifis, pubblicato ieri: la pulizia dei bilanci è stata consistente, ma non è ancora finita.

I dati raccolti da Banca Ifis parlano chiaro. A fine 2019 (i bilanci non ci sono ancora per cui si tratta di previsioni) lo stock di crediti deteriorati lordi (Npe) nella pancia delle banche italiane era di 145 miliardi: si tratta del 7,7% del totale crediti. Livello ben minore rispetto al 17% toccato nel 2015, ma ancora decisamente sopra la media europea (3%) e sopra l’obiettivo fissato dalla Bce al 5% per il 2021. La cura dimagrante continuerà (Banca Ifis prevede a fine 2020 121 miliardi di crediti deteriorati nei bilanci bancari, pari al 6,5% del totale crediti), ma difficilmente l’Italia riuscirà a soddisfare la richiesta della Bce.

Questa pulizia è stata fatta dalle banche vendendo a operatori specializzato i loro crediti andati a male: anche nel 2019 sono stati ceduti dal sistema creditizio italiano 32 miliardi di crediti in sofferenza ai quali si sono aggiunti 6 miliari di crediti semi-deteriorati (quelli chiamati in gergo Utp, inadempienze probabili). E nel 2020 Ifis prevede altri 37 miliardi di sofferenze sul mercato (incluso il secondario, dunque le rivendite di seconda mano da parte degli operatori), più 7 miliardi di Utp.

Questo però è il punto dolente: la pulizia dei bilanci bancari è avvenuta attraverso la vendita dei crediti deteriorati agli operatori specializzati, non attraverso il recupero dei crediti e la chiusura del contenzioso con famiglie e imprese. Questo significa che le banche sono più “leggere”, ma nell’economia italiana resta un totale di 325 miliardi di euro di crediti deteriorati da smaltire: una zavorra che pesa sull’economia, pesa sui tribunali, pesa – appunto – su famiglie e imprese. Insomma: il fardello è stato spostato dalle banche ad altri soggetti, ma il problema non è stato risolto. Questo è un tema da non dimenticare. E, tra l’altro, si tratta di un fardello che cresce, dato che i recuperi dei crediti ammontano al 3,1-3,2% l’anno, mentre i flussi di crediti deteriorati sono maggiori.

L’altro punto dolente riguarda gli Utp: il tasso di deterioramento di questi crediti (dunque il loro passaggio a sofferenza) resta ben più elevato rispetto al periodo pre-crisi: nel 2019 Ifis prevede che 18 miliardi di Utp diventino crediti in sofferenza. E questo deterioramento è causato soprattutto dal settore costruzioni. Detto questo, però, è innegabile che le banche italiane abbiano fatto un grande sforzo per ripulire i bilanci. Ora tocca agli operatori specializzati, i cosiddetti servicer, smaltire questa massa enorme di Npl. E pulire, dopo le banche, anche l’economia del Paese.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa