Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crediti deteriorati nuova ondata da 100 miliardi

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi che la nuova onda di crediti deteriorati da lockdown lascerà all’Italia. È difficile azzeccarci, tra moratorie in corso su 300 miliardi di crediti, garanzie statali, flessibilità contabile concessa dalla vigilanza e il rischio moltiplicatore di altre “chiusure”. The new wave, titolo pieno di realismo benché poco rassicurante, è il nome scelto da Banca Ifis per il 9° evento annuale sui crediti deteriorati. L’istituto specializzato ne prevede 21 miliardi, tra sofferenze e incagli in più, che nel 2021 porteranno a 385 miliardi le esposizioni deteriorate, per un tasso di default del 2,8% (1,3% del 2019), e con «ulteriore incremento nel 2022». A quota 100 si arriva, insomma, nel giro di tre o quattro anni: dipende da quanto ottimismo si sparge sui numeri. Ci sarà così nuovo lavoro, per un’industria nata in pochi anni e oggi fiorente, anche se metà dei volumi del “recupero” li fa una mezza dozzina di operatori. Lavoro sì, ma non una bad bank europea: l’ospite di lusso Yves Mersch, vice presidente della vigilanza, ha detto: «Difficile pensare a una struttura europea per gestire in modo unitario gli Npl», mancando «un’unione bancaria e un meccanismo di risoluzione».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa