Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Crédit Agricole rilancia Alza l’offerta sul Creval

Credit Agricole rilancia sul prezzo nell’offerta pubblica di acquisto sul Credito Valtellinese. Il gruppo francese — che ha già il 17,7% — ha rotto così gli indugi ben prima del termine dell’opa fissato per il 21 aprile mettendo sul piatto circa 120 milioni in più per convincere i soci dell’istituto valtellinese a consegnare le azioni a Crédit Agricole Italia, ramo nazionale guidato da Giampiero Maioli che tecnicamente ha lanciato l’offerta.

Il nuovo prezzo, in origine 10,5 euro ad azione, è adesso di 12,20 euro più un extra-bonus di ulteriori 0,30 euro se le adesioni arriveranno al 90% del capitale, in modo da poter procedere più velocemente al delisting dell’istituto. L’adeguamento porta da 737 a 854 milioni la valorizzazione di Creval e viene giustificato con l’andamento dei mercati e con lo scenario macro. Ma è anche una mossa quasi obbligata, dato che praticamente per l’intero arco di tempo andato da novembre 2020 — quando l’offerta è stata annunciata — fino a ieri il titolo Creval è stato costantemente sopra i 10,5 euro messi sul piatto dai francesi (assistiti da Jp Morgan con Equita e i legali di BonelliErede). E questo, nonostante che in un anno Creval abbia triplicato il valore: a marzo 2020 valeva 4 euro. Dal canto suo, la banca sotto attacco guidata dal ceo Luigi Lovaglio ha apprezzato la valenza industriale della proposta fusione tra i due istituti ma ha respinto come «non congrua» la valutazione dell’istituto, con il board che ha indicato una forchetta tra 12,95 e 22,7 euro ad azione. Lunedì il francese Denis Dumont che ha il 6,15% con la holding Dgfd, aveva chiesto un ritocco all’insù aggiungendosi al fronte dei fondi Alta Global, Hosking Partners, Petrus Advisers e Melqart. Complessivamente, oltre il 26% di «no» che Crédit Agricole punta a trasformare in «sì».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa